Brignoli, portiere goleador, entra nella storia; Perisic fa volare l’Inter


Top e Flop della 15^ giornata di Serie A 2017-18

– di Francesco Ferrari –

TOP

La rete di Brignoli regala il primo storico punto al Benevento in Serie A

Brignoli (Benevento): non bastano poche righe per descrivere il miracolo compiuto dall’estremo difensore. Non solo segna una rete che lo fa entrare nella storia del calcio insieme a Rampulla e Taibi, unici estremi difensori a segnare in Serie A su azione; ma con il suo gesto regala i primi storici punti del Benevento in massima serie. Insomma, un record nel record;

Perisic (Inter): con la sua tripletta torna a vestire i panni di Ivan il Terribile e l’Inter vola al primo posto in classifica. Apre le marcature della gara ribattendo al volo una corta respinta di Sorrentino, da quel momento in poi è il padrone indiscusso della corsia sinistra, dove sfonda ogni volta che lo desidera, segnando altre due reti personali. Tutta la squadra gira alla perfezione ma la sua prestazione è davvero da incorniciare;

Higuain (Juventus): non doveva nemmeno essere della partita, invece come spesso accade nel calcio risulta esserne il mattatore. Ancora una volta segna alla sua ex squadra, ancora una volta esulta con dedica particolare alla famiglia De Laurentis che forse dopo l’ennesima sconfitta imparerà un po’ di diplomazia.

FLOP

Dainelli è naufragato insieme a tutta la difesa del Chievo

Dainelli (Chievo): naufraga insieme a tutta la difesa veronese. Imbarazzante la differenza di velocità tra il difensore e Icardi che, in occasione del secondo gol, gli va via in velocità con una facilità disarmante. Forse, le sue 38 primavere iniziano a farsi sentire un po’ troppo;

Romagnoli (Milan): la sua espulsione costa carissima ai rossoneri di Gattuso. Costringe i compagni a chiudersi nel finale di gara, subendo l’arrembaggio dei padroni di casa, terminato con il clamoroso gol del portiere Brignoli;

Felipe (SPAL): lasciare la squadra in inferiorità numerica non è mai buona cosa, specialmente se il fatto avviene all’11’ del primo tempo. La sua trattenuta ai limiti dell’area ai danni di Dzeko viene valutata dal VAR meritevole di rosso diretto e l’arbitro Abisso cambia la sua scelta, mandando il difensore negli spogliatoi.

Print Friendly, PDF & Email



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *