Caccia all’esterno ma intanto rinnova Brienza


Il Bologna lavora su vari fronti per trovare un nuovo esterno: da Krejci a Suarez, da Verdi a Iturbe. Intanto però sta arrivando il rinnovo di Brienza

– di Marco Vigarani –

Ladislav Krejci (ph. Zimbio)

Ladislav Krejci dello Slavia Praga piace molto al Bologna (ph. Zimbio)

La conferma è arrivata dalle parole dello stesso ds rossoblù Bigon che ha ammesso solo pochi giorni fa di essere al lavoro per poter chiudere in tempi brevi un innesto per il reparto offensivo: è quella la zona di campo in cui c’è bisogno subito di un uomo in più per permettere a Donadoni di lavorare serenamente sin dal primo giorno di ritiro a Castelrotto. Va innanzitutto ribadito ancora una volta il concetto ormai evidente che Emanuele Giaccherini non sarà più un giocatore del Bologna visto che la vetrina di Euro 2016 ha allontanato definitivamente ogni speranza di acquistare un giocatore che già prima coltivava legittime aspirazioni ad un ingaggio troppo elevato per la disponibilità delle casse e per le dinamiche interne rossoblù. Ecco allora che si va su profili diversi che possano far pesare meno l’assenza dell’ormai ex protagonista anche se con caratteristiche fisiche, tecniche e tattiche differenti. Un nome caldo è quello di Ladislav Krejci, 23enne ala ceca dotata di buone doti di gol ed assist che lo Slavia Praga potrebbe liberare con un investimento complessivo di poco inferiore ai 4 milioni di euro: le prossime ore potrebbero essere decisive e la strada pare in discesa. Piace molto anche Marco D’Alessandro, profilo che però l’Atalanta non è così convinta di voler perdere a maggior ragione in favore di una diretta concorrente che offre al momento non più di 3 milioni per il cartellino. Non trova invece alcuna conferma la voce di una richiesta del Bologna all’Atletico Madrid per ottenere l’ex milanista Alessio Cerci.

Altra grande prestazione per Brienza contro il Milan con 12 km percorsi (ph. Zimbio)

Brienza e il Bologna dovrebbero andare avanti insieme per un altro anno (ph. Zimbio)

Nell’affare che porterebbe Diawara alla Roma si potrebbe poi inserire Juan Iturbe, argentino naturalizzato paraguaiano tutto da verificare dal punto di vista motivazionale dopo due anni soprattutto di ombre e che percepisce 1,6 milioni all’anno quindi quasi il massimo garantito dal Bologna a Mattia Destro. Nei giorni scorsi poi si è parlato a lungo anche di Matias Suarez, argentino in uscita dall’Anderlecht dopo la paura per gli attentati terroristici in Belgio, che però attualmente sembra essere più una proposta da valutare piuttosto che una pista effettivamente battuta da Bigon che nel frattempo si è sentito rifiutare dallo Zamalek l’offerta di prestito oneroso con obbligo di riscatto (400mila euro subito più 600mila tra un anno) per l’egiziano Mustafa Fathi. Stuzzica poi la possibilità di chiedere al Milan notizie di Simone Verdi, fantasista jolly che ha chiuso in crescendo la scorsa annata al Carpi e che potrebbe rendersi utilissimo con la sua duttilità soprattutto in caso di 4-2-3-1 potendo occupare qualsiasi posizione nel terzetto dei fantasisti. Intanto però il Bologna ha anche pensato di giocarsi la carta della continuità e, dopo attenta riflessione, ha proposto un altro anno di contratto a Franco Brienza che finora aveva ricevuto soprattutto proposte da categorie inferiori e pertanto ha accettato lo standby richiesto dal Bologna che voleva valutare prima anche altre opzioni. Nei prossimi giorni è prevista la firma con seguente ufficializzazione e successivamente la partenza per Castelrotto insieme al gruppo per la soddisfazione in primis di mister Donadoni che deve tanto della gloria rossoblù all’esperto fantasista.

Print Friendly, PDF & Email



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *