Carpi-Bologna 3-0, le pagelle


Nella disfatta del Cabassi, nel Bologna si salva il solo Sansone. Cacia ampiamente insufficiente e la difesa è da rivedere

– di Massimo Righi –

Gianluca Sansone, il meno peggio del Bologna di Carpi

Gianluca Sansone, il meno peggio del Bologna di Carpi

Da Costa 6 – Non ha colpe particolari sui gol e non si distingue per interventi particolari anche perché i tre tiri che subisce finiscono in fondo al sacco.

Oikonomou 5 – In affanno contro la velocità degli esterni di casa, cerca di cavarsela col fisico ma alla lunga si spegne e dalle sue parti il Carpi attacca agilmente.

Gastaldello 5,5 – Tiene botta per un po’ e duella con Lasagna come un forsennato. Di fianco non riceve grossi aiuti e infatti nella ripresa sprofonda anche lui.

Ferrari 5 – Sbaglia alcuni appoggi ma si fa sentire col fisico, mentre nella ripresa combina una frittata su Lasagna che per poco non costa cara. Dopo un’ora Lopez lo toglie (dal 60’Mancosu 5 – Ha due buoni palloni per segnare, soprattutto il primo, ma la vena del bomber è ancora sopita).

Casarini 5 – Forse adattarlo esterno una volta e, come ha detto lui davanti senza avere alcun marcatore può andare bene, ma con un Carpi che sugli esterni è arrembante non era il caso di riproporlo.

Zuculini 5,5 – Solito trattore e lottatore, non sciupa mai un pallone e si danna l’anima, poi cala anche lui dopo lo svantaggio che trascina tutti in un vortice di sconforto. Esce infortunato. (dal 67’Improta 5,5 – Guizza, sguscia e ci prova, ma il suo contributo si impantana in un attacco abulico e impalpabile).

Matuzalem 5,5 – Gestisce, picchia e allarga il campo per un po’, poi cala con tutto il resto della zattera. (dall’80’Krsticic s.v. – Si distingue subito per un passaggio di prima senza troppi fronzoli. Si spera che dopo Pasqua sia totalmente recuperato perché c’è bisogno di lui come non mai).

Laribi 4,5 – Nel primo tempo viene picchiato ripetutamente, ciononostante tocca e lavora un sacco di palloni interessanti, poi nel finale perde la testa e cerca di spaccare un gamba a Letizia venendo poi espulso.

Morleo 5 – Si propone tanto ma spesso è impreciso e pasticcione come al solito. Si vede che mancano ancora gamba e serenità dopo l’infortunio

Sansone 6 – Il migliore dei suoi. Nella prima frazione prova di trovare la via del gol in tutti i modi ma un po’ è bravo Gabriel e un po’ la sua mira è imprecisa di poco. Spesso raddoppiato, si ritaglia lo spazio e cerca di rendersi pericoloso. Scodella un assist a Mancosu che però non coglie.

Cacia 4 – Desaparecido. Ci sarebbe bisogno della sua zampata e del guizzo della punta rapace, ma i suoi movimenti sono prevedibili e il suo sbattimento limitato. Poca roba.

Lopez 5 – La scelta del Bologna del primo tempo si rivela azzeccata per quanto prodotto, poi ci si mette anche un po’ di sfortuna (ma è anche bravo Pasciuti, ci mancherebbe) sul primo gol. Nella ripresa la barca affonda e il mister non riesce a prendere le contromisure per limitare i danni.

Carpi 7,5 – Sarà serie A, bando alla ciance e alle scaramanzie. Questo Carpi è un gruppo ordinato, compatto, ben strutturato e spavaldo, gestito da un tecnico navigato e che sa il fatto suo. Bravi, volenterosi, fortunati e chi più ne ha più ne metta. E sì, anche rudi.

Print Friendly, PDF & Email



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *