Castelrotto 2017, giorno 4 – Goleada sullo Sciliar con poker di Destro


Vittoria per 9-1 del Bologna sullo Sciliar nella prima amichevole di Castelrotto con uno scatenato Destro autore di quattro gol

– di Marco Vigarani –

Al quarto giorno di ritiro è arrivato il momento della prima amichevole del ritiro 2017 del Bologna contro lo Sciliar, formazione locale di Promozione che accompagna ormai da sempre le prime sgambate dei rossoblù. Davanti ad una bella cornice di pubblico (500 i paganti ma ben più corposa la presenza di appassionati e curiosi) mister Donadoni ha mostrato quel 4-2-3-1 provato nelle ultime sedute e i suoi ragazzi hanno risposto interpretando subito la sfida con determinazione e concentrazione. Guidato a centrocampo da un Poli immediatamente protagonista con buona qualità ma soprattutto tanta sostanza, il Bologna trova il vantaggio già al 6’ con Verdi che si smarca del portiere avversario in bello stile prima di depositare il pallone in rete. Pur continuando a tenere stabilmente il pallino del gioco, i ragazzi di Donadoni raggiungono il raddoppio solo al 25’ con Petkovic che poco dopo fallisce anche l’occasione per il tris. Alla mezz’ora doppio cambio con Brignani che fa il suo esordio in prima squadra rilevando Torosidis portando Helander sulla fascia sinistra e Falco che prende il posto di Valencia in trequarti. Il terzo gol arriva al 40’ con una invenzione personale di Di Francesco che riceve palla defilato sulla sinistra, dribbla due avversari ed insacca poco prima che Poli e Verdi falliscano in rapida sequenza il possibile poker. Prima dell’intervallo anche un piccolo brivido per Mirante con il terzino avversario Jaider che cerca di sorprendere l’estremo difensore felsineo dalla lunga distanza mancando per pochi centimetri il bersaglio. A metà gara sono solo tre i gol rossoblù al termine però di una prima frazione giocata su buoni ritmi e mostrando anche una buona varietà di opzioni offensive.

L’undici iniziale scelto da Donadoni per affrontare lo Sciliar

La formazione con cui riprende la gara nel secondo tempo è rivoluzionata per nove undicesimi (salvi solo i due subentrati) ma la vera novità è l’ingresso in campo di Destro che dimostra a tutti la splendida condizione fisica con cui si è presentato a questo ritiro. Il centravanti rossoblù infatti rimpingua subito il bottino con una doppietta in un minuto prima incrociando dentro il cuore dell’area per impattare d’esterno il pallone e poi dribblando mezza difesa dopo aver superato il portiere: un ingresso in campo davvero scintillante che prosegue poi con una prestazione solida ed un costante pericolo portato alla difesa avversaria pur nel contesto di un Bologna che appare nettamente più spento e disunito in ogni reparto. Allo scoccare dell’ora di gioco arrivano ancora due cambi per Donadoni con Krafth che rileva Brignani e Krejci al posto di Falco ma soprattutto arriva il gol della bandiera per lo Sciliar che sfrutta un pasticcio della difesa felsinea per battere il giovane portiere Ravaglia. A riscattare i rossoblù ci pensa ancora una volta ovviamente Destro che al 78’ capitalizza al meglio l’assist di Pulgar e sigla il 6-1 e la personale tripletta dando il via ad un cestistico garbage time in cui il Bologna va ad arrotondare il punteggio. A cinque minuti dal triplice fischio ecco arrivare infatti anche la firma di Krejci su assist di Destro che, non pago, firma pochi istanti dopo anche il poker completando una ripresa perfetta. C’è gloria in extremis anche per Pulgar, autore del 9-1 che conclude la gara. Una vittoria rotonda e scontata per un Bologna bello soprattutto nel primo tempo ma che nella ripresa ha trovato un bellissimo Destro.

Print Friendly



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *