Castelrotto Day 5: ecco Nagy, Donadoni prova il 4-2-3-1


Nella giornata in cui Donadoni ripresenta in campo il 4-2-3-1, il Bologna ufficializza l’acquisto di Adam Nagy per 1,5 milioni di euro

– di Marco Vigarani – 

Oggi mister Donadoni ha provato il 4-2-3-1 sul campo di Castelrotto

Oggi mister Donadoni ha provato il 4-2-3-1 sul campo di Castelrotto

Giornata ricca di notizie sia dalla sede del ritiro del Bologna che dal mercato e che anticipa la prima amichevole estiva che domani pomeriggio vedrà i rossoblù di mister Donadoni affrontare lo Sciliar, formazione locale. Proprio in vista di questo esordio soft ma comunque importante, il tecnico bergamasco oggi ha lavorato prevalentemente sull’aspetto tattico dando un segnale evidente di quale possa essere almeno nelle intenzioni preliminari la linea da seguire. È il 4-2-3-1 la strada scelta per questo avvio di stagione nonostante l’assenza di alcune pedine importanti, su tutte ovviamente Mattia Destro che lascia così all’esperto Floccari e al baby Calabrese il compito di avvicendarsi nel ruolo di prima punta. Interessanti le coppie di centrali sia in difesa che a centrocampo visto che Oikonomou è stato schierato al fianco di Gastaldello mentre Crisetig ha avuto come spalla Taider: è ovviamente presto per parlare di gerarchie ma queste prime indicazioni hanno comunque una valenza specifica anche per identificare chi probabilmente ha più brillantezza nelle gambe. Rientrato in gruppo al pomeriggio dopo l’affaticamento di ieri, Verdi ha giocato da trequartista in alternativa a Brienza mentre sugli esterni del terzetto di fantasisti c’è stato spazio nell’ipotetico undici titolare per Mounier a destra e Di Francesco a sinistra. In mattinata il 4-2-3-1 è stato provato senza avversari mentre invece nel pomeriggio Donadoni ha impostato una partitella in famiglia prima a tutto campo e poi a metà per risparmiare anche le energie in vista dei due test in programma domani e sabato.

Adesso è ufficiale l'acquisto di Adam Nagy (ph. Bologna)

Adesso è ufficiale l’acquisto di Adam Nagy (ph. Bologna)

L’altra notizia fondamentale arriva invece dal mercato visto che il Bologna ha finalmente ufficializzato l’acquisto a titolo definitivo di Adam Nagy (pronuncia Noghy) dal Ferencvaros che a sua volta ha reso note le cifre dell’operazione: 1,5 milioni più bonus fino ad un massimo di 1,8 ovvero ben inferiori a quanto riportato dai media ungheresi nei giorni scorsi. Il ragazzo ha firmato un contratto quadriennale con i rossoblù e percepirà 500mila euro annui per dare a mister Donadoni un’alternativa importante nel cuore del gioco a maggior ragione dopo la scomparsa e futura cessione di Diawara. Giocatore più tecnico e di qualità rispetto al guineano, Nagy è un vero colpo di mercato dei rossoblù che lo strappano ad una folta concorrenza internazionale (Benfica, Leicester e Marsiglia tra le tante) grazie all’ottimo tempismo che ha visto Bigon arrivare a bussare alla porta del club ungherese prima dell’inizio di Euro 2016. Il centrocampista arriverà a Castelrotto nei prossimi giorni e si unirà al gruppo a partire dalla prossima settimana come il cileno Pulgar ed il ceco Krejci mentre invece resta da valutare la posizione di Morleo e Ceccarelli che potrebbero essere in uscita. Nelle ultime ore è circolato a lungo il nome di Riccardo Gagliolo, difensore per il quale il Carpi chiede però 3 milioni di euro incontrando così l’indisponibilità del Bologna a proseguire la trattativa. Potrebbe però tornare d’attualità sempre dal club modenese il nome di Cristian Zaccardo che aiuterebbe i felsinei a completare l’elenco dei quattro atleti formati nel proprio vivaio da inserire nella lista dei 25 giocatori per la prossima stagione. Ancora latitante Diawara, i dirigenti rossoblù cercano di chiudere nel migliore dei modi la trattativa con la Roma per poi presentarsi in Canada con il problema già risolto.

Print Friendly, PDF & Email



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *