Catania-Bologna. Storia, aneddoti e valutazioni attuali


Presentazione della partita tra Catania e Bologna: dai tempi di Renato Dall’Ara fino all’ultima sfida dello scorso gennaio dove un Bologna sconfitto si apprestava a salutare la Serie A

– di Luca Nigro –

Luca Nigro presenta la partita tra Catania e Bologna

Luca Nigro presenta la partita tra Catania e Bologna

Correva il 13 Febbraio 1955. Campionato di serie A a diciotto squadre. Quel giorno Catania e Bologna si affrontarono al Cibali per la prima volta in assoluto nella loro storia. Era il Bologna di Renato Dall’Ara, Gipo Viani e Gino Pivatelli. Era il Catania di Piero Andreoli e Vittorio Ghiandi. Per la cronaca, quella partita terminò 2-2; il Bologna chiuse il campionato al quarto posto ed il Catania otto posizioni più indietro (salvo essere retrocesso d’ufficio per illecito). Altri tempi, altro calcio. Da allora in terra siciliana, etnei e felsinei tra serie A e B si sono affrontati altre 17 volte: 7 vittorie per il Catania, 4 pareggi e 4 successi del Bologna. La prima vittoria dei rossoblu al Cibali, arriva nell’anno dell’ultimo scudetto quando, una tripletta di Nielsen, non lasciò scampo ai siciliani. Finì 3-1. Bastò invece un gol di Gaston Ramirez nella stagione 2011/12, per regalare al Bologna l’ultimo successo a Catania. La sfida più recente risale al 6 Gennaio di quest’anno quando ancora le due squadre militavano in A, con gli etnei vittoriosi 2-0 grazie alle reti di Bergessio e Lodi.

In B sono solo quattro i precedenti ma con ben tre successi del Catania. L’unica vittoria emiliana, un rotondo 4-1, risale alla oramai lontana stagione 1986/87. L’ultimo Catania-Bologna in B, è datato 21 Ottobre 2005. In quell’occasione, la partita terminò in parità, 1-1, con il Catania che alla fine della stagione festeggiò, con un secondo posto, la promozione in A. Il Bologna invece, concluse con un anonimo ottavo posto. A nove anni di distanza, si ripete la sfida in B ma, stavolta ad essere davanti è la squadra di Lopez. Sono 7 i punti che dividono le due squadre e la differenza va ricercata nelle prestazioni esterne. Il Bologna, lontano dal Dall’Ara ha collezionato 12 punti, frutto di 3 vittorie, 3 pareggi e 2 sconfitte. Il cammino del Catania è invece disastroso lontano dalla Sicilia. Due i punti racimolati, a Crotone e Trapani. Poi solo sconfitte. Discorso diverso in casa visto che gli etnei davanti ai propri tifosi, si trasformano: 5 vittorie, 2 pareggi e solo 1 sconfitta rimediata contro il Bari, vittima proprio del Bologna appena quattro giorni fa. Quasi identico il percorso dei rossoblu al Dall’Ara: 4 vittorie 2 pareggi e 2 sconfitte.

I numeri parlano chiaro: gli etnei al “Massimino” sono in perfetta media promozione mentre il Bologna dimostra, tra casa e trasferta, più equilibrio e più concretezza. Laribi e compagni si presentano in Sicilia da terzi della classe, rinvigoriti dalla convincente vittoria ottenuta domenica contro il Bari. Nonostante tutti i problemi societari ed un inizio di campionato stentato, il Bologna si ritrova lì, a lottare per la serie A. Merito a Fusco che con nulla, ha costruito una squadra competitiva e merito a Lopez, bravo a tenere unito e compatto il gruppo anche dopo gli ultimi non esaltanti risultati. L’unico errore che si può imputare al tecnico uruguaiano, è la perseveranza nella scelta di alcuni cambi a partita in corso. Per il resto, il Bologna sta dove deve stare e con gennaio alle porte, Saputo permettendo, può puntare diritto al primo posto. Entella e Crotone sono ormai un lontano ricordo. Livorno e Brescia pur sempre due signore squadre.

Il Catania La formazione di Sannino, tredicesima, fino ad oggi ha deluso tutte le attese. Nervosismo, infortuni, tifoseria spazientita. Un mix altamente negativo. Ci si aspettava un Catania diverso, magari non primo a Dicembre ma almeno a ridosso delle prime. Sannino però, pian piano sta creando il suo “regno”. I giocatori iniziano a seguirlo, la società sta dalla sua parte. Nel mercato di riparazione, il tecnico di Ottaviano è pronto a presentare la lista dei rinforzi. La squadra è di qualità ma, visti i tanti infortuni e lo scarso rendimento di qualcuno, urgono anche qui dei cambi. Leto, dopo Terni si è beccato tre turni di squalifica e un suo eventuale addio sembra sempre più probabile. Per molti (anche per Fusco) i rosso azzurri, rimangono i favoriti per la vittoria finale del campionato anche se la classifica e soprattutto i risultati di queste prime 16 giornate, dicono ben altro. Questo Catania-Bologna però, visto le ambizioni e la storia di entrambe le squadre, è e rimane in assoluto il big match non solo della diciassettesima giornata, ma dell’intero campionato di B.

Print Friendly, PDF & Email



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *