Cessione Fortitudo, il principe belga conferma l’interesse


Dal Belgio, il principe Edouard De Ligne De la Tremoille conferma l’interesse per l’acquisto della Fortitudo. La trattativa potrebbe decollare

– di Massimo Righi –

Il principe belga Edouard De Ligne De la Tremoille

Il principe belga Edouard De Ligne De la Tremoille con la moglie Isabella Orisni (ph. dagospia)

“Reale” interesse – La Fortitudo piace e chi è interessato è uscito allo scoperto. Il principe belga Edouard De Ligne De la Tremoille, ha confermato il proprio interesse per l’acquisto del club biancoblù. Già firmatario della lettera d’intenti inviata alla proprietà attuale, il principe della casata belga è stato cercato e coinvolto nell’affare dal produttore cinematografico lucano Francesco Di Silvio. In ragione di tale manifesto interesse, la trattativa per l’acquisto del club potrebbe subire una decisa accelerata in tempi brevi. L’intenzione della cordata franco-belga, è di comprare l’intero pacchetto azionario della Effe e non di partecipare all’aumento di capitale, che gli attuali soci della Fortitudo eseguiranno nelle prossime settimane. Nel frattempo, alcuni professionisti incaricati dai diretti interessati, sarebbero già al lavoro per esaminare il PalaDozza, la cui gestione interessa molto alla suddetta cordata.

Cuomo e volontà dei proprietari – Resta invece ancora da capire la posizione dell’altro imprenditore interessato al club biancoblù, Gerardo Cuomo, che aveva anche presenziato alla partita della squadra contro Udine al Paladozza. Il discorso con l’imprenditore campano attivo nel campo del tabacco è delicato, in quanto i guai di Cuomo con la giustizia per contrabbando, potrebbero essere ostacoli che precludono un potenziale avvio della trattativa. Altra questione, che coinvolge anche la cordata organizzata da Di Silvio, è la volontà della proprietà attuale. Se gli uomini al comando della Fortitudo non hanno intenzione di vendere, preferendo aprire all’ingresso di nuovi soci, gli scenari potrebbero cambiare per tutti.

Print Friendly, PDF & Email



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *