Conte al debutto: “La mia Italia esempio di riscossa”


Antonio Conte rivela la sua emozione per l’esordio della nuova Italia stasera contro l’Olanda. Sirigu in porta e ballottaggio tra Giovinco e Zaza per il ruolo di seconda punta

di Marco Vigarani

Antonio Conte, nuovo c.t. azzurro

Antonio Conte, nuovo c.t. azzurro, oggi al debutto in amichevole con l’Olanda

Dopo tante parole spese sull’opportunità e sui costi del suo ingaggio come nuovo CT azzurro, oggi Antonio Conte avrà la possibilità di dimostrare sul campo che la fiducia della Federazione è ben riposta. L’ex allenatore della Juventus riparte per la sua nuova avventura da Bari, dallo stadio San Nicola dove vinse il suo primo campionato e non nasconde una certa emozione: “L’esordio mi ha sempre tolto il sonno – ha detto ieri in conferenza stampa – anche da calciatore. Ma non dormire ha anche i suoi lati positivi visto che mi consente di riflettere a lungo. Sia chiaro però che non ho paura di quello che mi aspetta perchè sapevo sin dall’inizio che stavo accettando una grandissima responsabilità“. Addirittura Conte allarga lo sguardo dal calcio all’intera società italiana confessando: “Siamo in un momento difficile per tutto il Paese e sappiamo che dietro alla nostra squadra ci saranno tutti gli italiani. Vorrei che la nuova Italia da domani potesse diventare un esempio di riscossa“. La carica e l’emozione si distinguono chiaramente nelle sue parole enfatiche che lo accompagnano sempre nei momenti importanti e che arrivano a toccare termini cari ad un collega ben noto: “Vincere piace a tutti ma non tutti se lo possono permettere: è qualcosa per gente speciale. Noi da domani ci auguriamo di essere speciali“.

Con l’ultimo allenamento svolto sotto il diluvio, gli azzurri si preparano a sfidare l’Olanda per aprire una nuova fase e soprattutto far dimenticare a tutti i tifosi la ridicola trasferta mondiale brasiliana conclusa anzitempo con disonore. Con Ogbonna e Quagliarella entrati in corsa nel gruppo al posto degli infortunati Paletta e Osvaldo, anche El Shaarawy non sembra in grado di partire titolare (“Non lo rischieremo” le parole di Conte). Appare davvero difficile se non addirittura pretenzioso poter sperare di vedere un’Italia completamente rivoluzionata dal semplice cambio in panchina ma il CT non nasconde le sue ambizioni: “Al momento non riusciamo a mettere in campo veri fuoriclasse – ammette – ma proprio per questo motivo dobbiamo applicare una filosofia di gioco precisa che passa da concetti che ho visto espressi in allenamento. Non posso aspettarmi un prodotto finito ma certamente voglio vedere un’idea di gioco“. Tifosi, critici e semplici curiosi stasera aspetteranno la stessa identica cosa per poter valutare i primi effetti della cura Conte sulla Nazionale.

Probabile formazione (3-5-2) Sirigu – Bonucci Ranocchia Ogbonna – Candreva De Rossi Parolo Marchisio De Sciglio – Immobile Giovinco.

Print Friendly, PDF & Email



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *