Conte annuncia: “Farò qualche cambio contro Malta”


Alla vigilia della gara contro Malta, Antonio Conte prepara qualche cambio nella sua Italia. Possibili variazioni sugli esterni e la fiducia nel recuperato Verratti

– di Marco Vigarani –

Antonio Conte è alla quarta gara sulla panchina azzurra

Antonio Conte è alla quarta gara sulla panchina azzurra

Dopo aver rischiato qualcosa di troppo contro il modesto Azerbaigian, Antonio Conte non vuole correre rischi contro Malta e prepara quindi qualche cambio utile ad alzare il livello della prestazione degli Azzurri. Nella conferenza stampa della vigilia è lui stesso ad ammetterlo dicendo: “Nell’ultima partita abbiamo rischiato di non raggiungere l’obiettivo e dobbiamo imparare a chiudere prima la gara. Contro Malta sarà difficile perchè già con la Norvegia loro hanno dimostrato di saper giocare a viso aperto. Sto valutando qualche cambio visto che Verratti ad esempio ora è in ottime condizioni e Pirlo rientra da un infortunio serio. Anche Pellè è un’opzione visto che non convoco nessuno per premio“. Possibili anche gli avvicendamenti sugli esterni con Candreva e Pasqual titolari al posto rispettivamente di Darmian e De Sciglio e la promozione a titolare di Giovinco come partner di Immobile. Il tecnico dichiara quindi l’obiettivo: “Il bel gioco porta alla vittoria e questo è il concetto che voglio sempre inculcare alle mie squadre: lavoro per creare un calcio propositivo“.

Le critiche subite negli ultimi giorni non lasciano traccia nel CT azzurro che spiega: “Ascolto, prendo atto e vado avanti. Noi siamo come ciclisti che devono proseguire a pedalare a testa bassa senza dimenticare che siamo insieme solo da un mese e stiamo costruendo qualcosa di bello. Stiamo comunque giocando, costruendo occasioni e mantenendo una certa solidità difensiva“. Lo sguardo di Conte poi va al futuro e alle sue aspirazioni: “Devo essere allenatore della Nazionale – dichiara – e non un semplice selezionatore. Ho scelto di accettare questa avventura è proprio il fatto di poter gestire l’Italia come un club. Ovviamente vorrei essere come Bearzot o altri che hanno vinto ma mi piacerebbe essere un allenatore per questa squadra“.

Print Friendly, PDF & Email



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *