Conte detta l’agenda alla Serie A, ma lo vuole il PSG


Il CT Antonio Conte ha incontrato i tecnici della Serie A per avanzare le proprie richieste ma in queste ore emerge il forte interessamento del PSG che sarebbe pronto ad offrire 7 milioni all’anno

– di Marco Vigarani –

Antonio Conte, ct dell'Italia (ph Zimbio)

Antonio Conte, ct dell’Italia (ph Zimbio)

L’incontro tanto agognato è avvenuto e così Antonio Conte ha potuto confrontarsi da commissario tecnico azzurro con gli ex colleghi che gestiscono i club della Serie A. Ovviamente c’è chi si è astenuto dal presentarsi (Garcia, Zeman, Benitez, Sarri e anche Mancini) ma l’ex bandiera juventina si è espressa favorevolmente a proposito del meeting dicendo: “Credo che sia opportuno per creare un rapporto continuo tra tutti gli allenatori e i giocatori e mi piacerebbe che questo diventasse un appuntamento fisso annuale“. Conte si è presentato davanti agli allenatori con alcune richieste molto precise che sono state formulate in maniera diretta e nelle prossime settimane saranno valutate: si va da un desiderio di dare maggior spazio agli atleti in orbita azzurra alla necessità di uno stage che si svolgerà dal 9 all’11 febbraio 2015. È stata inoltre espressa la volontà di organizzare qualche giorno di lavoro supplementare anche subito dopo la fine del campionato per arrivare nelle migliori condizioni possibili alla sfida delicatissima contro la Croazia valevole per la qualificazione a Euro 2016. Proprio a proposito della competizione continentale, Conte ha anche formulato il desiderio di vedere anticipato l’inizio della prossima Serie A.

Tendenzialmente i tecnici si sono dimostrati soddisfatti per questo confronto inedito apparso decisamente costruttivo ma hanno anche demandato ai rispettivi club ogni decisione definitiva riguardante le proposte del CT azzurro. Da parte sua però Conte non avrebbe fugato i suoi dubbi sulla possibilità di poter davvero dare la sua impronta al lavoro in Nazionale e pertanto le voci sul suo futuro non sembrano destinate a placarsi. In particolare il Paris Saint Germain sarebbe pronto ad un’offerta davvero faraonica da 7 milioni di euro all’anno (quindi il doppio di quanto garantito dalla FIGC) per affidare all’ex centrocampista la panchina destinata comunque a restare orfana di Blanc già da giugno prossimo in seguito alla scadenza del contratto del transalpino. Da parte sua il tecnico ha negato il proprio interessamento dicendo: “Ho preso un impegno che mi responsabilizza di fronte a tutti gli italiani“. Il denaro, l’ambizione di guidare una rosa di altissimo profilo e la certezza di poter contare sul sostegno economico praticamente illimitato della società potrebbero essere tutti fattori determinanti nell’addio di Conte alla panchina dell’Italia per inseguire il sogno di provare a vincere un trofeo in campo europeo.

Print Friendly, PDF & Email



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *