Milan e Fiorentina ai quarti. Per i rossoneri derby e caso Donnarumma


I rossoneri, in un San Siro schieratosi contro Donnarumma, liquidano il Verona con un secco 3-0 e il 27 Dicembre affronteranno l’Inter ai quarti. Avanti anche la Fiorentina, che piega 3-2 la Samp al Franchi

– di Calogero Destro –

Gianluigi Donnarumma, finito ancora nell’occhio del ciclone chiedendo la rescissione del proprio contratto (ph.zimbio)

Chissà cosa avrà provato Gigio Donnarumma calpestando, prima del fischio d’inizio della gara contro il Verona, il prato di San Siro per effettuare il consueto riscaldamento. “Violenza morale 6 milioni all’anno e l’ingaggio di un fratello parassita? Ora vattene la pazienza è finita!”. Così recitava lo striscione della curva rossonera, che non le ha certo mandate a dire all’estremo difensore. Ma chissà cosa pensa, realmente, Donnarumma. La richiesta di rescissione del contratto che in queste ora sta facendo montare le polemiche su diversi fronti non può certo essere farina del suo sacco, almeno non totalmente. La situazione che si è venuta a creare attorno al giovane prodigio azzurro, però, si è fatta davvero scabrosa. Lo stadio l’ha fischiato, lui ne ha inevitabilmente risentito, ma solo fuori dal campo. D’altronde è un ragazzo del ’99: e le lacrime sgorgategli negli spogliatoi – di coccodrillo, sussurra qualcuno – e asciugategli da capitan Bonucci, sono lì a dimostrare tutta la fragilità emotiva di questo baby-fenomeno. Poi, sul terreno di gioco, è un’altra storia. Donnarumma si è mostrato freddo e reattivo nell’unica occasione in cui è stato chiamato in causa, e il suo Milan ha liquidato la pratica Verona con un secco 3-0 (22′ Suso, 30′ Romagnoli, 55′ Cutrone – agganciando A. Silva come miglior marcatore della squadra a quota 8 reti). Gli uomini di Gattuso raggiungono dunque i quarti di finale di Coppa Italia, diventata, vista la classifica deficitaria del campionato, uno degli obiettivi primari della stagione. Il 27 Dicembre, i rossoneri, affronteranno l’Inter per il secondo derby stagionale, che decreterà la prima semifinalista della competizione.

Fiorentina avanti contro la Samp- Raggiunge i quarti di finale, anche se nella parte opposta del tabellone, la Fiorentina. Al Franchi si gioca una partita spettacolare, con i viola che alla fine riescono ad avere la meglio della Sampdoria per 3-2. La squadra di Pioli passa subito in vantaggio grazie a Babacar, che brucia Puggioni sul primo palo. Al 39′ arriva il pari dei blucerchiati, con il tap-in vincente di Barreto. Nella ripresa Giampaolo inserisce Torreira per Capezzi ma sono i padroni di casa a trovare il 2-1 su rigore, trasformato da Veretout. Gli ospiti sfiorano il pari con Barreto e Caprari , che sbattono sui legni della porta difesa da Dragowski.  Al 79′ è Ramirez – subentrato ad uno spento Alvarez – dagli 11 metri, a siglare il 2-2. Al 90′, però, l’ingenuità di Murru costringe il direttore di gara ad assegnare il secondo penalty di serata alla Fiorentina, che conquista il passaggio del turno grazie al 3-2 finale segnato – ancora dal dischetto – da un glaciale Veretout. Viola che ai quarti sfideranno la vincente dell’ottavo tra Lazio e  Cittadella. 

Print Friendly, PDF & Email



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *