Corvino: “Rossi, come Lopez, resta perché crediamo nel lavoro”


Il ds Corvino in conferenza stampa ha confermato la fiducia in mister Rossi ma anche in Destro e negli altri acquisti del mercato estivo

– di Marco Vigarani –

Pantaleo Corvino in conferenza stampa

Pantaleo Corvino in conferenza stampa

A sorpresa, probabilmente per concedere una pausa agli atleti dagli impegni istituzionali, oggi si è presentato in conferenza stampa il ds rossoblù Pantaleo Corvino che ha esordito con una novità: “Scusate per il disagio (conferenza anticipata di un’ora, ndr) ma sono in riunione con l’agente di Oikonomou per parlare del suo rinnovo contrattuale. Sono qui davanti a voi per confrontarmi in un momento in cui le cose purtroppo non vanno bene ma per ribadire che l’unica strada che conosco è quella del lavoro“. Il dirigente è tornato anche al mercato estivo spiegando: “Teniamo sempre conto di dove eravamo quando siamo partiti e del dispendio economico richiesto per gli acquisti effettuati, circa 2 milioni di media ciascuno. A gennaio in 20 giorni ho migliorato una rosa che non era nata per vincere il campionato di B ed in estate in altri 60 giorni ho fatto del mio meglio per creare un giusto mix di gioventù ed esperienza. Almeno la metà degli acquisti infatti è composta da uomini esperti della Serie A come Brienza o lo stesso Destro. Poi oggi quelli che non giocano possono sembrare acquisti errati ma se ad esempio non gioca Crisetig bisogna dare anche merito a Diawara. Sugli esterni poi, in un calcio che ne propone pochi completi, ho preso qualche rischio ma anche per rispettare esigenze di budget“.

Delio Rossi, oggi in conferenza stampa a Casteldebole

Delio Rossi è stato confermato da Corvino alla guida del Bologna (ph. Zimbio)

Corvino ha poi parlato ovviamente della situazione del tecnico Rossi spiegando: “Nel calcio si cerca sempre un colpevole, manca pazienza ed i giudizi variano sempre sulla base dei risultati. È anche questione di dettagli: un punto in più o in meno può cambiare tutto. Rossi resta perché abbiamo fiducia nel lavoro, abbiamo dimostrato già lo scorso anno con Lopez di non essere propensi al cambio tecnico. Abbiamo avuto poco tempo per lavorare, paghiamo il conto di tanti infortuni ma se guardiamo la classifica dei punti dopo i soli primi tempi siamo quinti in Serie A: significa che ci sono delle qualità e che possiamo solo crescere e migliorare“. Sotto la lente d’ingrandimento anche il rendimento di Mattia Destro, stella del mercato ma non sul campo: “Non rimpiango il suo acquisto – ha dichiarato Corvino – perché ho preso un giocatore di grandi qualità realizzative che prima o poi si sbloccherà di certo. Mi rimprovererei soltanto di aver perso l’occasione di portarlo a Bologna. L’abbiamo scelto per giocare con Giaccherini e Mounier nel 4-3-3 ma quando si hanno certe qualità la tattica conta poco. Non abbiamo inserito in rosa un’alternativa di alto profilo perché avrebbe avuto un costo importante“.

Print Friendly, PDF & Email



One thought on “Corvino: “Rossi, come Lopez, resta perché crediamo nel lavoro”

  1. simpatizzante

    Corvino: in questi casi come dice lei, si cerca sempre un colpevole, la maggioranza dei tifosi c’è l’ha già la sua idea, se non ha ancora deciso di esonerare Rossi, un motivo ci sarà. Io spero che abbia ragione lei e che la nostra ciliegina super pagata cominci ad insaccare qualche pallone.

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *