Crac clinica di Quartu: chiesti 5 anni per Porcedda


Si torna a parlare dell’ex presidente rossoblù Sergio Porcedda per il quale ieri è stata richiesta una condanna a 5 anni in merito al crac della clinica di Quartu

– di Marco Vigarani –

Sergio Porcedda, ex presidente del Bologna (ph Zimbio)

Sergio Porcedda, ex presidente del Bologna (ph Zimbio)

La sua fugace avventura in rossoblù sembra ormai un lontano ricordo oggi che il magnate canadese Joey Saputo viaggia con il jet privato verso l’Italia per assistere alle gare del suo Bologna e qualcuno tra i tifosi guarda addirittura con delusione alla mancata possibilità di correre già da neopromossa per un posto in Europa League, ma non si può dimenticare quanto il club rossoblù sia stato vicino alla totale cancellazione dagli almanacchi calcistici ai tempi della presidenza di Sergio Porcedda. L’imprenditore sardo era assente dalle cronache felsinee ormai da quasi un anno e mezzo quando arrivò per lui dal Tribunale emiliano una condanna a 2 mesi e 20 giorni di carcere convertita poi in una multa di 35mila euro per appropriazione indebita relativa ad una minima parte della somma per la quale venne avviata l’indagine nel 2010. Ieri però il nome di Porcedda è balzato di nuovo agli onori delle cronache per una vicenda diversa di ambito totalmente cagliaritano che già nel 2013 aveva fatto scattare nei suoi confronti misure di custodia cautelare ai domiciliari in seguito ad un’inchiesta della Guardia di Finanza riguardo al reato di bancarotta fraudolenta per il crac da circa 14 milioni di euro della clinica privata Città di Quartu. Ieri Giangiacomo Pilia, pubblico ministero del processo che si celebra con rito abbreviato, ha richiesto al Gup cagliaritano Giuseppe Pintori la condanna per tutti i nove imputati alla sbarra riservando proprio per l’ex presidente rossoblù la pena più grave pari a ben 5 anni di reclusione. Il processo ora però si ferma e proseguirà il prossimo 10 maggio con le arringhe degli avvocati difensori. Pochi giorni dopo il Bologna scenderà in campo per l’ultima gara della stagione 2015/16 ed inizierà a pensare seriamente al prossimo futuro, una parola che con Porcedda ha rischiato di sparire dal dizionario.

Print Friendly, PDF & Email



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *