Cutrone manda il Milan in semifinale, battuta l’Inter 1-0


I rossoneri piegano di misura l’Inter grazie al gol di Cutrone al 104′ e riscattano la sconfitta subita nel derby di campionato. La squadra di Gattuso raggiunge la Lazio in semifinale

– di Calogero Destro –

Patrick Cutrone: autore del gol decisivo nel derby di Coppa Italia, che è valso l’approdo in semifinale al Milan (ph.zimbio)

E’ l’uomo del destino, Patrick Cutrone. Perché il classe 1998 forse sarebbe entrato lo stesso, per sbloccare un derby della “Madonnina” tesissimo, fra due squadre in crisi di risultati e separate in classifica da ben 16 lunghezze. Ma l’infortunio di Kalinic, al 75′, ha tolto anche, qualora ce ne fossero, i residui dubbi a Rino Gattuso, che si è visto premiare dal centravanti comasco con la rete che al 104′ è valsa l’approdo in finale dei rossoneri. Eliminazione cocente per l’Inter, alla terza sconfitta consecutiva tra campionato e Coppa.

La partita- Nelle file del Milan c’è Antonio Donnarumma al posto di Storari, k.o nel riscaldamento. Mentre Biglia si riprende una maglia in mezzo al campo dal primo minuto. Spalletti dà fiducia a Joao Mario sulla trequarti, con Borja Valero che parte dalla panchina. Davanti, i nerazzurri, confermano il tridente titolare L’inizio è caratterizzato da tanti errori tecnici, da una parte e dall’altra. Ma la gara è vivace, si sviluppa con buon ritmo e con le due squadre a lottare su ogni pallone. Il primo squillo offensivo è di Bonaventura, che incorna da distanza ravvicinata ma trova il pronto riflesso di Handanovic. Al 23′ l’Inter avrebbe trovato il vantaggio col cross di Perisic deviato nella propria porta da un goffo intervento di Donnarumma. Ma il Signor Guida, la cui attenzione viene richiamata dal VAR per posizione irregolare di Ranocchia nella circostanza, annulla – correttamente – la realizzazione. L’episodio favorevole carica il Milan, con Suso che al 28′ s’incunea nella difesa nerazzurra e prova a piazzarla col destro, ma Handanovic è ancora una volta attento. Il primo tempo si conclude dunque a reti inviolate.

Nella ripresa parte meglio l’Inter, che al 14′ spreca la miglior occasione della partita: sponda di Icardi per Joao Mario, che da pochi passi spara sul corpo di Donnarumma. Cinque minuti più tardi la pessima uscita di Handanovic lascia la porta sguarnita, ma Bonaventura, dall’interno dell’area piccola, non impatta bene e di testa spedisce alto sopra la traversa. Intanto Spalletti, al 67′,  manda dentro Borja Valero per un inguardabile Joao Mario, che esce tra i fischi. Mentre al 75′ tocca anche a Brozovic per Gagliardini. Gattuso inserisce invece Calhanoglu al posto di Locatelli per provare a dare maggiore vivacità a centrocampo, con Cutrone a rilevare poi l’infortunato Kalinic. La gara prosegue a sprazzi, con le folate di Perisic da una parte e Suso dall’altra ad impensierire le difese avversarie, che però non cedono. Si va ai supplementari.

L’Inter ci arriva un po’sulle gambe, mentre il Milan attacca con maggior convinzione. Al 104′ Patrick Cutrone fa esplodere il “Meazza” di parte rossonera, sfruttando il cross perfetto di Suso e fulminando Handanovic dopo un gran taglio alle spalle della difesa nerazzurra. Per il giovane centravanti comasco, miglior realizzatore della squadra, è il 9° centro stagionale. La risposta dell’Inter è tutta nel tentativo di torsione di un’opaco Icardi, che però può soltanto sfiorare l’invito dalla destra di Eder, graziando Donnarumma. Il triplice fischio di Guida sancisce dunque l’approdo in semifinale del Milan, che raggiunge la Lazio e prova a dare una svolta ad una stagione fin qui disastrosa.

 

 

Print Friendly, PDF & Email



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *