Cutrone manda un messaggio a Kalinic. Di Francesco guida l’attacco del Bologna


Top e Flop della 1^ giornata di Serie A 2017-18

– di Francesco Ferrari –

TOP

Prima da titolare e prima rete in Serie A per Cutrone. (ph. Zimbio)

Cutrone (Milan): titolare dal 1′, ripaga Montella con una grande prestazione, condita dal suo primo gol in Serie A. Bellissimo lo stacco con cui fulmina Cordaz sul suo palo sull’impeccabile cross di Suso. Da vero lottatore riconquista poi la palla che servirà allo spagnolo per la rete del definitivo 3-0. Sicuri ci sia bisogno di Kalinic?

Di Francesco (Bologna): sicuramente il più pericoloso del tridente di Donadoni e migliore in campo insieme a Poli. Ha gran voglia di fare bene e lo dimostra il palo colpito subito prima del bellissimo gol: stop di petto e sinistro a incrociare sotto la traversa. Si candida per essere uno dei punti fermi dell’attacco rossoblu;

Dybala (Juventus): insieme a tutta la squadra era chiamato al riscatto e la Joya risponde presente: prende la squadra per mano ed è il padrone della trequarti campo. Suo il gol del 2-0 a fine primo tempo, subito dopo l’errore dal dischetto di Farias. Subito decisivo.
FLOP

Nenad Tomovic, ennesima serata da dimenticare.

Tomovic (Fiorentina): emblema di una difesa davvero da brividi. Sceglie male il tempo e manca l’intervento in occasione del 2-0 di Icardi; si dimentica Perisic, guardando solo la palla sul 3-0. Inesistente l’intesa con i compagni di reparto. Pioli avrà molto da lavorare ma il tasso tecnico non si migliora dall’oggi al domani;

Souprayen (Verona): dal suo lato c’è Callejon, non un cliente facilissimo ma lui non ci prova nemmeno. Sempre in ritardo, non ha la velocità per poter fare il terzino, almeno non in questa partita. Ciliegina sulla torta è l’autogol che sblocca la gara: sul calcio d’angolo resta completamente immobile e la sfera, lisciata dal portiere Nicolas in uscita, gli rimbalza addosso finendo nella propria porta;

Farias (Cagliari): fallisce il primo rigore del nostro campionato, per di più assegnato con la VAR. Ha sui piedi la chance di pareggiare l’incontro ma la spreca e poco dopo Dybala sigla il 2-0 che affossa il Cagliari.

Print Friendly, PDF & Email



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *