Dal 2000 Bologna spesso a secco contro il Milan, Donadoni fatica con i rossoneri


Due vittorie e sette gare senza segnare dal 2000 ad oggi per il Bologna contro il Milan al Dall’Ara. Il grande ex Donadoni ha vinto solo quattro volte con i rossoneri

– di Marco Vigarani –

Che incubo un anno fa: il Bologna in doppio vantaggio numerico si fa battere da un gol di Pasalic (ph. Il Giorno)

STORIA – Dal 1929 ad oggi il Bologna ha ospitato per ben 76 volte il Milan in una sfida definibile come storica per il calcio italiano ma ormai la prevalenza statistica dei rossoblù vacilla. A fronte di 28 vittorie emiliane ne troviamo infatti però anche 26 lombarde in un quadro completato da 22 pareggi a testimonianza del grande equilibrio. Stesso discorso si può fare analizzando il conto dei gol: 106 quelli di marca rossoblù e 103 quelli rossoneri. Purtroppo gli annali hanno smesso di sorridere con continuità al Bologna ormai da tempo visto dal 1975 ad oggi si contano soltanto tre vittorie felsinee: nel 1998, nel 2000 e nel 2002. Nel nuovo millennio inoltre nel 50% esatto delle occasioni il Bologna non è riuscito nemmeno a segnare un gol.

STATISTICHE – Un dato che può andare leggermente a favore del Bologna, è che nelle ultime sei giornate il Milan non è mai riuscito a segnare più di una rete ad incontro ma dall’altra parte quella rossonera è anche una delle tre squadre (con Inter e Torino) a non aver ancora perso una partita dopo essere passata in vantaggio. Curiosità sui tiri da fuori: il Bologna è 17esimo nel numero di tentativi ma ha la percentuale più alta di realizzazione del campionato (27%) mentre invece il Milan è la squadra che cerca di più questa soluzione, evidentemente con meno fortuna. Infine un confronto tra due attaccanti teoricamente titolari: Mattia Destro ha segnato un solo gol al Milan (peggio solo ha fatto con la Juventus) ed invece Nikola Kalinic ha realizzato ai danni del Bologna la sua prima rete in A. Ecco gli ultimi sei tabellini del confronto:

2016/17 – 8 febbraio 2017, 0-1 (Pasalic)
2015/16 – 7 maggio 2016, 0-1 (Bacca)
2013/14 – 25 settembre 2013, 3-3 (Poli, Laxalt, Laxalt, Cristaldo, Robinho, Abate)
2012/13 – 1 settembre 2012, 1-3 (Pazzini, Diamanti, Pazzini, Pazzini)
2011/12 – 11 dicembre 2011, 2-2 (Di Vaio, Seedorf, Ibrahimovic, Diamanti)
2010/11 – 12 dicembre 2010, 0-3 (Boateng, Robinho, Ibrahimovic)

Donadoni ha vestito per 390 volte la maglia del Milan (ph. dnamilan)

EX – La colonia degli ex è aumentata in questa stagione di tre ulteriori elementi: oltre a Fabio Borini (sei anni di giovanili nel Bologna) e Andrea Poli (109 presenze e 3 reti a Milano) da gennaio è in rossoblù anche Simone Romagnoli che ha lavorato a Milanello dal 2007 al 2010 aggregandosi anche alla prima squadra nella stagione 2009/10 senza mai esordire. L’ex più atteso resta però Simone Verdi con le sue annate di giovanili trascorse a Milanello che lo hanno portato ad ottenere appena 2 presenze in Coppa Italia senza ottenere mai la fiducia del club. Scivolato quasi al ruolo di comprimario poi troviamo Mattia Destro che nella seconda parte dell’annata 2014/15 giocò 15 partite nel Milan segnando 3 gol. Il grande ex resta sempre Roberto Donadoni, storica colonna del club meneghino con 390 gare impreziosite da 23 reti e numerosi trofei tra il 1986 ed il 1999.

ALLENATORI – Da allenatore però la storia di Roberto Donadoni con il Milan è sicuramente travagliata visto che il tecnico bergamasco ha ottenuto appena 4 vittorie, 2 pareggi e ben 11 sconfitte. L’unico precedente con il collega Gennaro Gattuso (e l’unico di Ringhio con il Bologna) è la vittoria rossonera del girone d’andata.

ARBITRO – Questo pomeriggio toccherà al 40enne triestino Piero Giacomelli dirigere la sfida del Dall’Ara che sarà anche la numero 101 della sua carriera in A. I precedenti? Decisamente favorevoli al Milan che ha ottenuto con lui 5 vittorie, 3 pareggi e 2 sconfitte mentre invece il Bologna ha un record di 1 vittoria, 2 pareggi e 5 sconfitte. Lo stesso direttore di gara ha arbitrato anche la sfida dello scorso 21 maggio 2017 a San Siro finita 3-0 per il Milan.

Print Friendly, PDF & Email



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *