Destro decide il derby, il Bologna supera di misura il Sassuolo: è 1-0 al Mapei Stadium


Una rete dell’attaccante rossoblù a inizio ripresa regala i tre punti ai ragazzi di Donadoni, oggi praticamente impeccabile nelle scelte di formazione

– di Luigi Polce –

Basta Destro al Bologna per ritrovare gol e tre punti, che in campionato mancavano dal 22 gennaio (2-0 al Torino). Il Mapei Stadium è sbancato con una rete del numero 10 a inizio ripresa, dopo una bella azione avviata da Di Francesco e proseguita da Dzemaili molto simile a quella che portò alla marcatura lo stesso Destro in quel di Cagliari.

Derby in famiglia per Eusebio e Federico Di Francesco (ph. Ansa)

Moduli a specchio per Sassuolo e Bologna, con Donadoni che torna all’usato sicuro (dopo il fallito esperimento del 3-5-2 provato al cospetto della Lazio) lanciando dal 1’ Donsah e soprattutto Di Francesco, per un personalissimo derby con papà Eusebio. Occorre spazzare via le polemiche accumulate dopo la serata al Giostrà di Oikonomou, Viviani (entrambi inizialmente out), Masina e Pulgar, se non altro per ringraziare i tifosi rossoblù che, nonostante lo sciopero indetto, hanno scelto di saltare il pranzo domenicale per raggiungere il Mapei Stadium. Il problema, o meglio i problemi, però, sono sempre i soliti: l’undici di Donadoni non riesce a rendersi quasi mai pericoloso dalle parti di Consigli, Destro è spesso avulso dalla manovra e alla fine dei primi 45’ il conto dei tiri in porta di Verdi e soci resta tristemente fermo a quota 0. Dall’altra parte c’è un Sassuolo evidentemente superiore dal punto di vista della qualità della manovra, che mette spesso e volentieri in difficoltà il dispositivo difensivo del Bologna con i lanci a cercare gli esterni Politano e Berardi. Vero è che nella prima frazione Mirante ha poco lavoro da svolgere (botta di Acerbi dalla distanza bloccata al 32’), un assunto che però si concretizza se non altro per demeriti dei neroverdi padroni di casa, spesso imprecisi nell’ultimo passaggio.

La rabbiosa esultanza di Mattia Destro dopo il gol che decide la gara (ph. Schicchi)

A inizio ripresa le cose certamente non migliorano per il Bologna, che rischia più volte di incassare il gol nel primo quarto d’ora. Al 7’ Pulgar regala un pallone a Politano sulla propria trequarti, l’esterno scuola Roma però non ne approfitta calciando debolmente verso la porta. Ancora brividi sessanta secondi più tardi: Duncan guadagna il fondo e fa partire un cross rasoterra sul quale Berardi, complice anche una leggerissima deviazione di Helander, non arriva per questione di centimetri. Lo stesso Berardi si mette in proprio al 12’, con un mancino a giro che si perde sul fondo non molto distante dai pali difesi da Mirante. Un minuto dopo, l’episodio che cambia l’inerzia del match: Di Francesco porta palla sulla trequarti e imbuca alla perfezione per Dzemaili, bravo a sua volta a trovare Destro che, tutto solo, deve solo spingere in porta il pallone dell’1-0. Dal possibile tracollo, dunque, il Bologna trova un insperato vantaggio e rischia addirittura di concedersi il bis, visto che il Sassuolo dopo lo svantaggio sparisce dal campo. Tra il 17’ e il 20’, infatti, si contano tre occasioni più o meno limpide per i rossoblù: Di Francesco stacca di testa su corner (non proprio la specialità della casa), non trovando lo specchio della porta; Verdi, servito involontariamente da Peluso, scappa via ma sceglie un improbabile passaggio anziché la conclusione da ottima posizione; fa lo stesso Destro che, servito da un’astuzia di Viviani (lesto a battere rapidamente il piazzato), prova a servire Verdi invece di andare al tiro. La reazione del Sassuolo, più di rabbia che di ragione, è concentrata negli ultimi 5 minuti. Ma stavolta la difesa rossoblù non crolla, tenuta a galla da un super intervento di Mirante sul piattone di Acerbi sul quale cala il sipario del derby della Via Emilia.

SASSUOLO – BOLOGNA 0-1 (primo tempo 0-0)

Marcatori: Destro al 13’ s.t.

SASSUOLO (4-3-3) Consigli; Gazzola, Cannavaro, Acerbi, Peluso; Pellegrini (dal 22’ s.t. Missiroli), Aquilani (dal 18’ s.t. Ragusa), Duncan; Berardi, Matri (dal 33’ s.t. Politano), Politano. All. Di Francesco

BOLOGNA (4-3-3) Mirante; Torosidis (dal 27’ s.t. Krafth), Helander, Maietta, Masina; Dzemaili, Pulgar, Donsah (dal 10’ s.t. Viviani); Verdi, Destro, Di Francesco. All. Donadoni

AMMONITI Cannavaro, Berardi, Politano (S); Helander, Destro, Torosidis, Masina (B)

ARBITRO Valeri

Print Friendly, PDF & Email



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *