Di Vaio nuovo club manager: “Si avvera un sogno”


Ufficializzato il ruolo nel nuovo Bologna dell’ex capitano Marco Di Vaio che diventa club manager. Le prime parole del dirigente ed il benvenuto da parte di Saputo

– di Marco Vigarani –

Di Vaio è il nuovo Club Manager del Bologna (ph. Bologna)

Di Vaio è il nuovo Club Manager del Bologna (ph. Bologna)

Il ritorno di Marco Di Vaio al Bologna era cosa nota ormai da tempo, ma da qualche ora ha anche i crismi dell’ufficialità. Un rientro in seno al club rossoblù atteso da anni tanto dai tifosi quanto dallo stesso ex capitano che ha sempre ammesso di avere lasciato un pezzo del suo cuore all’ombra delle Due Torri e che da oggi è diventato il nuovo Club Manager della società felsinea. Già presente da diverse settimane quotidianamente a Casteldebole, ora Di Vaio sarà responsabile in coabitazione con il DS Corvino delle attività della prima squadra ma sarà anche il volto pubblico del Bologna nelle iniziative di comunicazione verso l’esterno: di fatto diventa la voce e l’immagine della proprietà nei lunghi periodi che inevitabilmente Saputo dovrà trascorrere lontano dall’Italia.

Proprio il chairman ed azionista di maggioranza del club Joey Saputo ha affidato ad una nota sul sito ufficiale il suo benvenuto all’ex attaccante: “Sono soddisfatto e orgoglioso dell’ingresso ufficiale di Marco. L’ho conosciuto come giocatore e ne ho apprezzato per più di due anni le qualità umane e professionali. Ha fatto una grande carriera da calciatore e sono certo che diventerà un ottimo dirigente, contribuendo allo sviluppo del nostro Club“. Di Vaio invece, pur commentando con qualche parola tramite Facebook, rilascia le sue prime dichiarazioni ufficiali in un video in cui spiega: “Firmare questo contratto mi fa un effetto meraviglioso perchè si avvera un sogno che avevo da tre anni. Inizio ora una nuova carriera qui come ho sempre desiderato sin dal momento in cui ho accettato di andare in Canada a vivere una nuova esperienza. In mezzo è successo qualcosa di straordinario come l’arrivo di Saputo e Tacopina, ora c’è un progetto di crescita che garantirà un presente ed un futuro importante per tutti noi. Il mio ruolo mi permetterà di lavorare a contatto con il direttore sportivo ma anche con la squadra per vivere ancora a contatto con lo spogliatoio e allo stesso tempo imparare da dirigenti di primo livello come Corvino e Fenucci: si tratta di una grande possibilità di crescita professionale per me“.

Lo sguardo di Di Vaio si sposta poi sulla squadra e sul tecnico: “Lopez ha una grande personalità – dice – mi piace il rapporto schietto e onesto che ha creato con la squadra che gli consente di ottenere grandi risultati senza alzare mai la voce. Ha costruito un gruppo importante che lo segue, ha le idee molto chiare ed ama il confronto quotidiano nello spogliatoio ascoltando tutti. Il gruppo è molto unito che ha costruito un’identità dalle macerie della retrocessione, lavorano tutti sodo ogni giorno credendo in quello che fanno e sapendo che da questo dipende il risultato del fine settimana. Alzare l’asticella giorno per giorno è la base per raggiungere grandi risultati come la promozione a fine anno che tutti desideriamo e vogliamo ottenere“. Il nuovo dirigente poi rivela qualche aspetto della personalità del chairman rossoblù, suo presidente negli anni agli Impact: “Saputo è una persona molto ambiziosa che vuole raggiungere sempre il massimo risultato e che non accetta un fallimento. L’ho visto arrabbiarsi spesso con la squadra o il direttore sportivo a Montreal nonostante all’apparenza sia una persona molto pacata, ma trasmette la sua mentalità a tutto il gruppo“.

Print Friendly, PDF & Email



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *