Disastro bolognese in Eccellenza: vince solo il Sasso Marconi. Trasloco per il Real San Lazzaro?


Bilancio negativo per le squadre bolognesi impegnate in Eccellenza con la sola vittoria del Sasso Marconi. Real San Lazzaro pronto a cambiare campo di casa

– di Edoardo Frati –

La 32° giornata di campionato del girone B di eccellenza è stata pressoché disastrosa per le nostre sei bolognesi. Quattro sconfitte, un pareggio e una sola vittoria – del solito Sasso Marconi – a scapito però del Progresso. Nessuna romagnola sconfitta da una bolognese dunque: anche in questo finale di girone, all’andata come al ritorno, le compagini della riviera sembrano avere un altro passo e un’altra energia rispetto alle stremate bolognesi. Adesso mancano sei giornate alla fine del campionato: sei partite, “sei finali” – come si è soliti dire sul finale di stagione – che possono emettere sorprendenti e pesanti verdetti. Non in zona alta, dove il Rimini può vincere il campionato già questa domenica (17 i punti di vantaggio, 18 quelli disponibili), bensì in zone più calde e rischiose di classifica, dove è ancora tutto in ballo.

Real San Lazzaro (13° a 40 pt) e Progresso (14° a 38pt) non possono ancora ritenersi al sicuro e la condizione psico-fisica, di calendario e addirittura dei campi da gioco non aiuta. Quest’ultimo aspetto riguarda soprattutto il Real, che per reiterati problemi di gestione comunale degli impianti sportivi a San Lazzaro si ritrova a scendere in campo in quello che dovrebbe essere il proprio fortino e invece è poco più che un campo arato male. Come dichiarato dal DS Simone Matta ai microfoni di Radio Bologna Uno, il Real sta prendendo in considerazione di giocare i rimanenti incontri interni (con Cervia, Riccione, Castrocaro e Massa Lombarda) in un’altra struttura nella provincia, individuabile tra Ozzano e Granarolo. Oltre alle delicate sfide in casa, però, la compagine di Gelli dovrà affrontare due difficili trasferte a Minerbio e Gaggio Montano: due derby bolognesi per chiudere bene una stagione sulle montagne russe.

Il Progresso invece fatica a ingranare anche dopo il cambio in panchina: mister Mezzetti ha finora raccolto un solo punto nelle sue prime quattro partite, strappandolo a morsi contro il Corticella nello spento e scialbo derby di due domeniche fa. Una media punti assolutamente da alzare, visti gli incontri che ancora attendono i rossoblù di Castel Maggiore. Tra questi, delicatissimi gli scontri in 3 giorni (9, 12 aprile) con S. Agostino e Savignanese, anche se i 3 punti del sollievo dovranno arrivare in quel di Meldola, il 23.

Dall’altra sponda di Castelmaggiore, il Corticella affronta un calendario piú favorevole, inteso non come meno impegnativo  ma potenzialmente più redditizio. Domenica al Biavati arriva il Rimini per vincere il campionato: i ragazzi di Musolesi potrebbero tentare la replica dell’impresa dell’andata (1-1) ma sanno che non è questa la partita per muovere la classifica.  Più decisive saranno le 3 trasferte a Igea Marina contro il Bellaria (9 aprile), sul campo della Sampierana per lo scontro diretto del 30 aprile e una settimana dopo, a Cervia per l’ultima di campionato. Chiaramente importanti anche le partita in casa con Classe e Argentana che non dovrebbero avere più niente da dire, ma il Corticella si gioca buona parte dell’Eccellenza in quelle tre trasferte in riviera: non esattamene una gita al mare.

Discorso analogo si potrebbe fare per il Faro, che nel prossimo mese affronterà (come il Corticella) Argentana, Cervia, Sampierana e Classe, oltre a Real San Lazzaro e Riccione. La compagine di Gaggio Montano ha peró più punto da recuperare (10 dalla Sampierana con scontro diretto da ribaltare) e sembra avere meno attrezzatura del Corticella per farlo. Non dovessero arrivare punti importanti nelle prossime 2-3 domeniche, potrebbe diventare opportuno salvare il salvabile ed entrare in ottica play-out, un quadrangolare spietato per la permanenza nel quinto campionato nazionale.

Le migliori partite di Eccellenza sono in diretta ogni domenica su Radio Bologna Uno, FM 89.800 dalle 15.30

Print Friendly, PDF & Email



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *