Dominio Yamaha a Montmelò, poker di Lorenzo


Sulla pista spagnola arriva il quarto successo consecutivo per Lorenzo che ora tallona Rossi a -1 in classifica. Male Marquez, Iannone consola la Ducati

– di Marco Vigarani –

La gioia di Lorenzo sul podio a Montmelò (ph. AFP)

La gioia di Lorenzo sul podio a Montmelò (ph. AFP)

Le prove settimanali avevano forse illuso che la Suzuki avesse davvero le carte in regola per tentare un colpo a sorpresa a Montmelò, ma la gara non ha fatto altro che confermare il totale dominio della Yamaha su questa stagione di MotoGP. In particolare impressiona la rinascita fisica e mentale di Jorge Lorenzo che per la quarta corsa di fila non concede nulla agli avversari, vola via già dal primo giro ed ora si ritrova ad un solo punto di distacco dal compagno di squadra Rossi nella lotta per il titolo. Il veterano italiano è protagonista di un’altra prestazione positiva con un recupero che parte dal settimo posto e si conclude soltanto alle spalle dell’imprendibile Lorenzo che detta però un ritmo impossibile per chiunque altro, soprattutto per il campione in carica Marquez che finisce ancora una volta fuori in ampio anticipo trovandosi ad interpretare lo scomodo ruolo dell’inseguitore a tutti i costi. La Honda allora si deve accontentare del terzo posto del redivivo Pedrosa così come la Ducati, dopo aver assistito all’uscita di scena di Dovizioso nonostante una buona partenza, si consola con il quarto posto di Iannone che supera così in graduatoria il compagno di scuderia.

Al termine della corsa la parola è per il vincitore Jorge Lorenzo che spiega: “Con questo caldo era difficile tenere lo stesso passo di ieri anche perché avevo problemi di accelerazione, ma sono rimasto concentrato, ho sofferto ma ne è valsa la pena. In questo momento riesco a restare sempre coi nervi saldi ed anche oggi era fondamentale visto che Rossi ha fatto una gara da martello“. Parla quindi proprio Valentino Rossi che dice: “Ad certo punto ci ho sperato perchè sentivo che la moto stava andando bene. Infatti pur partendo dalla terza fila ho avuto un buon passo e durante la gara la mia velocità è stata simile a quella di Lorenzo. Ora la classifica si fa interessante“.

Classifica piloti
Rossi 138, Lorenzo 137, Iannone 94, Dovizioso 83, Marquez 69, Smith 68, Crutchlow 47, Vinales 46, Espargaro P 45, Pedrosa e Petrucci 39, Espargaro A 31, Redding 27, Hernandez 26, Barbera 16, Baz 13, Bautista e Miller 11, Bradl 9, Pirro 8 e Hayden 8, Laverty 7, Aoyama 5, Di Meglio 2, De Angelis 1.

Classifica squadre
Yamaha 166, Ducati 119, Honda 114, Suzuki 57, Forward Yamaha 18, Aprilia 11, Art 1.

Print Friendly, PDF & Email



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *