Donadoni: “Cattivi contro il Sassuolo. La serata? Per me nulla di grave”


Conferenza pre Sassuolo-Bologna per mister Donadoni che carica la squadra in vista della gara e parla della serata in discoteca che ha fatto scalpore 

– di Marco Vigarani –

Roberto Donadoni in conferenza stampa

Sconfitto senza neanche lottare dalla Lazio tanto da generare un clamoroso sciopero del tifo per domani, il Bologna continua a vivere un momento di vera crisi. Mister Donadoni, alla vigilia dell’importante trasferta di Reggio Emilia fornisce questa analisi partendo dalla gara dello scorso turno interpretata con un nuovo modulo: “Quando applichi un modello tattico diverso dal solito è normale che qualcosa non funzioni al meglio. Per fare qualcosa di nuovo c’è bisogno di lavorare di più ma è tutto più facile quando sei in un momento positivo. Domani dovremo darci dentro cattivi e convinti contro un avversario come il Sassuolo che è alla nostra portata. Scenderemo in campo senza timori reverenziali come quelli che possono esserci contro Napoli o Inter. Dovremo toglierci dalla testa le ragnatele di dover dimostrare qualcosa a qualcuno: limare undici piccoli dettagli vuol dire crescere tutti insieme“.

Parole poi ovviamente anche per lo sciopero dei tifosi organizzati che diserteranno la gara del Mapei Stadium: “Dobbiamo rispettare tutti ed ognuno è libero di prendere la posizione che ritiene più opportuna. Ovviamente li vorremmo sempre non noi, il fatto che non partecipino ad una trasferta comoda ci fa ancor più dispiacere dopo i km e le spese sostenute per partecipare a gare in stadi lontani ma dovrà anche generare un’ulteriore reazione d’orgoglio in noi per riportarli allo stadio nella prossima gara. La vittoria contro il Torino del 22 gennaio scorso deve essere un modello da seguire a livello di mentalità e atteggiamento. Se abbiamo fatto bene in passato possiamo farlo di nuovo anche in futuro“. Riflessioni poi sui singoli: “Destro ha fatto una settimana positiva, determinata e vogliosa con un atteggiamento anche sopra le righe che mi piace. Di Francesco sta bene e l’ho visto fisicamente pronto. Questa settimana faccio davvero fatica a tenere fuori qualcuno se non per problemi fisici. Gastaldello non si è mai allenato quindi non ci sarà“.

Impossibile per Donadoni evitare domande sul comportamento dei ragazzi protagonisti della serata al Giostrà che continua a far scalpore a maggior ragione dopo lo sfogo successivo all’allenamento della scorsa settimana, questo il pensiero dell’allenatore: “Lavoriamo sempre di fantasia in modo sbagliato, ero solo insoddisfatto di quello che avevo visto ma finiva tutto lì. Non può essere preso come un pretesto per altre letture o manipolazioni mentali. Sappiamo che in un momento di difficoltà serve aiuto e non accanirsi, ma pochi danno una mano costruttiva: sono stanco di queste considerazioni e non ribatto più sul tema perchè trovo ridicolo cercare fantasmi ovunque. In quello che hanno fatto i ragazzi non c’era nulla di sbagliato visto che volevano solo fare una cena al mercoledì sera. Se fossero stati a casa loro fino alle 3 del mattino nessuno avrebbe saputo nulla. Diamo peso alle cose che hanno davvero senso, conosco i miei ragazzi e sono in grado di leggere bene quello che mi dicono. Dal mio punto di vista non è successo nulla di grave: la loro concentrazione così come la mia è solo per quello che dobbiamo fare in campo“.

Print Friendly, PDF & Email



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *