Donadoni: “Contento di allenare il Bologna. Dzemaili in Canada? Vedremo”


Vigilia di Bologna-Empoli per mister Donadoni che però guarda anche al suo presente in rossoblù e al futuro di Dzemaili, destinato al Canada

– di Marco Vigarani – 

Roberto Donadoni in conferenza stampa alla vigilia di Bologna-Palermo

Roberto Donadoni in conferenza stampa

Domani il Bologna tornerà in campo dopo la sconfitta di Udine e mister Donadoni inizia la sua conferenza stampa prepartita proprio da qui: “Non abbiamo giocato male ma solo con meno intensità ed aggressività rispetto al nostro standard. L’Empoli non sta meglio di noi come non stava meglio l’Udinese: in questi casi conta la voglia di vincere. Ragiono sempre partita per partita ma è chiaro che adesso ci sia più necessità di fare punti. Quella di domani è una gara importante ma non dobbiamo crearci distorsioni mentali sulla assoluta necessità di fare punti. Dovremo vincere ma sempre attraverso il gioco e la personalità“. Nell’analisi del mister c’è poi spazio per il ricordo: “L’anno scorso l’Empoli ci ha sorpresi e dobbiamo anche saper trarre le giuste lezioni dal passato. Si giocano tanto come noi, conosciamo le loro caratteristiche e soprattutto dobbiamo pensare di tirare fuori il meglio da noi stessi. Saponara è imprescindibile per il loro gioco visto che unisce le due fasi di gioco: dovremo essere bravi a non concedergli spazio ma non ho un giocatore da mettergli addosso, ognuno si prenderà la sua parte di responsabilità“. Il tecnico rossoblù poi parla del momento della sua squadra spiegando: “Non dico che i ragazzi si stiano allenando male ma a volte basta metterci meno intensità e fame per ritrovarsi in balia degli episodi. Ci è capitato spesso di lasciare punti per strada a causa di qualche dettaglio. Sono convinto che questa squadra abbia un potenziale non inferiore a tanti avversari ma ci sono caratteristiche comportamentali che vanno migliorate. Dobbiamo fare un’autocritica onesta che punti a cambiare certi limiti legati anche alla nostra gioventù che abbiamo evidenziato“.

Primo gol nel Bologna per Blerim Dzemaili (ph. Zimbio)

Donadoni ha parlato anche del futuro di Dzemaili (ph. Zimbio)

Impossibile poi non andare su una tematica di mercato sollevata proprio dal presidente Saputo nelle ultime ore: “Quella di Dzemaili in Canada a giugno è un’ipotesi a cui ora non voglio pensare, ma non una verità assoluta. Voglio solo pensare di fargli concludere al meglio la stagione anche perché il trasferimento in Canada dipende anche dal suo rendimento a Bologna“. Come sempre poi arriva una precisazione sul reparto offensivo: “Destro deve incidere sempre, avere sempre una fame sana di vincere e dimostrare le sue capacità. Più la situazione è difficile, più diventa importante farlo e rendere al massimo delle proprie possibilità. Non conta correre di più o con quale modulo giochi: si riconduce sempre tutto all’aggressività ed alla tranquillità nel gestire le situazioni. Le occasioni dell’Udinese sono arrivate proprio da queste premesse“. Donadoni in chiusura poi affronta diffusamente il tema del suo presente e futuro sulla panchina rossoblù: “Vivo questo momento con grande tranquillità, sono abitudini che abbiamo e non cambiamo mai anche se non le condivido. Nessuno può avere la certezza che con altre scelte le cose avrebbero potuto andare in un altro modo. Basta un gol all’ultimo istante per cambiare giudizi e valutazioni quindi ne sorrido perché sono schemi che si ripetono continuamente. Sono quindi assolutamente sereno, al massimo dispiaciuto perché vedo che questo modo di ragionare non cambia mai. Se avessimo sei punti in più sarei più soddisfatto. Voglio togliere qualsiasi dubbio. Se non fossi più contento di allenare il Bologna sarei il primo ad alzare la mano e salutare. Ho sempre fatto così in carriera con grande dignità e rispetto. Tutto quello che voglio è andare avanti lavorando seriamente e portare la squadra fuori da questo momento. Anche perchè non possiamo avere certezze sul fatto che quelle dietro continuino ad andare piano“.

Print Friendly, PDF & Email



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *