Donadoni: “Domani le motivazioni faranno la differenza”


Il tecnico rossoblù, reduce dal successo sul Milan, ha presentato in conferenza stampa la sfida al Chievo che chiuderà il girone d’andata del Bologna

– di Luigi Polce –

Donadoni in conferenza stampa (ph. Bologna)

Donadoni in conferenza stampa (ph. Bologna)

Archiviata l’impresa di San Siro, il Bologna si rituffa nel campionato per provare a chiudere al meglio il girone di andata. Avversario il Chievo, in una partita che vedrà i rossoblù far fronte a diverse assenze tra infortuni e squalifiche. Mister Donadoni prova a non farne un dramma: “Non dovrò fare gli effetti speciali, ci sono solo alcuni giocatori che non sono a disposizione e quindi bisogna trovare delle alternative. Gli altri avranno i mezzi per mettersi a disposizione, dico spesso che la differenza spesso la fa chi subentra e questa certamente rappresenta un’occasione per chi gioca meno”. Quando il discorso passa poi all’avversario di domani, l’ex Parma non ha dubbi: “Sarà una partita molto complicata, il Chievo è un avversario tosto con caratteristiche ben definite e un’identità precisa. Dal punto di vista fisico dovremo fare una gran prestazione, condita da attenzione e aggressività. Per entrambe c’è stato un certo dispendio di energie, motivo per cui domani le motivazioni faranno la differenza: noi dovremo esser bravi in questo e sulla carta la vittoria di Milano dovrebbe essere un vantaggio per noi. Partita simile a quella contro l’Empoli? Ogni partita presenta un avversario differente. Vero che le circostanze si possono somigliare, anche in quel caso venivamo da un successo per 1-0 in trasferta, ma proprio il fatto di aver disputato dopo il Genoa una gara non all’altezza contro l’Empoli ci deve insegnare qualcosa: ora sappiamo quali sono le possibili difficoltà e non dobbiamo caderci”. 22 punti sono già un buon bottino visto come si erano messe le cose ad inizio stagione, una vittoria domani magari potrebbe far pensare a qualcosa in più della semplice salvezza. Donadoni però non è dello stesso avviso: “Ci aspetta un percorso difficile, come per altre squadre, e nonostante gli ultimi risultati che abbiamo fatto siamo ancora lì a lottare, questo per far capire che basta davvero poco perché le cose cambino. Chiaro che la continuità deve essere un obiettivo da perseguire, come ho detto però il giorno della mia presentazione noi dobbiamo aggrapparci ad ogni singolo punto, col desiderio di scalare la classifica in ogni gara, senza accontentarsi. Poi staremo a vedere anche cosa faranno gli avversari, ma noi dobbiamo in primis pensare a noi stessi”. La situazione di emergenza poteva forse essere alleviata da qualche movimento sul mercato, per ora bloccato ma pronto a regalare qualche nuovo elemento alla rosa rossoblù: “Mercato? Non cambia nulla, giorno dopo giorno prendiamo atto delle situazioni che si vengono a creare ma non voglio farmi condizionare troppo da queste cose: fanno spendere solo le energie che in questo momento dobbiamo tenerci ben strette”.

Print Friendly, PDF & Email



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *