Donadoni: “Grazie a Dzemaili, per sostituirlo servirà un giocatore di alto profilo”


Alla vigilia della trasferta di Empoli, mister Donadoni ha dedicato qualche pensiero anche a Dzemaili e alla crescita di Destro 

– di Marco Vigarani –

Roberto Donadoni in conferenza stampa

Un poker rifilato all’Udinese non basta al Bologna che domani tornerà in campo ad Empoli, avversario di cui però mister Roberto Donadoni non si fida specificando: “L’Empoli farà la sua partita e noi la nostra, non dobbiamo decidere la nostra tipologia di gara in base all’avversario. Sappiamo che troveremo un ambiente motivato e carico che ha bisogno di vincere ma dovremo pensare a trovare continuità dopo le ultime buone prestazioni. Le nostre motivazioni non possono essere inferiori alle loro solo perché siamo già salvi: dobbiamo essere professionisti fino in fondo. Conosco pregi e difetti dell’Empoli e su questo costruirò la gara. L’esultanza di Maccarone dello scorso anno? Dettagli che mi interessano poco. Mi interessa di più il fatto che in quella partita siamo stati ingenui, magari è stata una bella gara da vedere ma per me fu una lezione importante“. Il tecnico rossoblù fa poi rapidamente la conta dei presenti: “Verranno tutti con noi anche Di Francesco, Helander e Dzemaili poi vedrò all’ultimo. Solo Masina non ha lavorato con noi questa settimana e quindi non ce la farà“. Ovvio allora parlare proprio del centrocampista che ha esaurito la sua esperienza in rossoblù: “Se si valuta l’anno di Dzemaili sui gol non si può che essere sorpresi, ma sul piano della personalità e della professionalità non lo sono affatto. L’esperienza in Canada sarà bella, sono contento per lui. Dobbiamo solo ringraziarlo per quanto ha fatto anche se i meriti sono da condividere con la squadra. Nel suo caso penso che non sarà penalizzato in vista dei Mondiali del 2018 perché non è un giovane: se starà bene la convocazione sarà quasi automatica. Non vedo analogie con il caso di Giaccherini dello scorso anno, ma mi auguro che ogni anno possa esserci un giocatore in grado di dare qualcosa di importante alla squadra. Se poi riuscirà a restare tanto meglio. Dzemaili è un giocatore di alto profilo ed andrà sostituito con uno analogo, non importa l’età ma piuttosto il carattere deciso e convinto abbinato alle qualità tecniche“.

Donadoni ha voluto ringraziare Dzemaili che sta per andare in Canada (ph. Zimbio.com)

A proposito di mercato, il tecnico rivela anche un’altra idea partendo dall’esperimento di Rizzo terzino: “Luca sta bene adesso, con lui siamo all’inizio del processo e vedremo nelle prossime 2/3 settimane se avremo successo. Voglio che sia bravo a fare più ruoli perché ci può anche permettere di fare un acquisto in meno come accaduto alla Juventus con Zambrotta“. Una battuta anche per Simone Verdi: “Sono contento che rinnovi perche può diventare ancora più bravo“. Donadoni parla quindi anche di Mattia Destro: “Mi piace quello che sta facendo anche se non è ancora al suo massimo ma apprezzo questo modo di essere partecipe a 360 gradi. Aiutare i compagni, cercare il confronto continuo in settimana come in oartita e vivere fino in fondo la responsabilità della maglia sono aspetti importanti per chi, come lui, ha mezzi tecnici superiori alla media. Deve continuare così. È fondamentale che continui a fare questo sforzo di crescere giorno dopo giorno“. Infine una riflessione: “Alla fine possiamo fare un punto in più dell’anno scorso ma la cosa importante è fare quattro prestazioni di livello e trovare conferme sul campo alla bontà del nostro lavoro“.

 

Print Friendly, PDF & Email



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *