Donadoni: “Nessun caso Dall’Ara, ma non sottovaluto la Samp”


Alla vigilia di Bologna-Sampdoria, il tecnico rossoblù Roberto Donadoni ammette di non fidarsi del presunto indebolimento dei blucerchiati. Segnali di mercato e attesa per Constant

– di Marco Vigarani –

Roberto Donadoni in conferenza stampa

Roberto Donadoni tiene alta la guardia in vista di Bologna-Sampdoria

Dopo la bella vittoria di Reggio Emilia e la conferma delle doti di questa squadra in trasferta, Roberto Donadoni presenta la gara di domani contro la Sampdoria ma fa il punto anche su altre situazioni importanti dal mercato alle prospettive della stagione. “Non credo che possa essere un problema giocare al Dall’Ara – spiega – anche se i risultati sembrano dire esattamente questo. Noi però dobbiamo solo giocare a calcio, fare quello che sappiamo e crescere. In particolare mi aspetto un miglioramento nella gestione di determinate fasi della gara che vanno affrontate con più lucidità: ci stiamo lavorando. Dai miei giocatori poi vorrei vedere sempre la voglia di scoprire qualcosa in più su loro stessi senza accontentarsi mai e devo dire che ad esempio Destro ogni tanto si accontenta troppo“. C’è poi un messaggio chiaro alla vigilia di una settimana impegnativa: “Ho detto ai ragazzi che potrebbe essere una fase decisiva della nostra stagione, dovremo attingere ad ogni risorsa fisica e mentale ma è in momenti come questi che si ha il vero termometro di una squadra“. Guardando poi direttamente alla Sampdoria, ecco che Donadoni tiene alta l’attenzione dicendo: “Hanno giocatori importanti ed il fatto di essere al centro del calciomercato lo dimostra ma dobbiamo fare molta attenzione a non sottovalutarli. Pensare che si siano indeboliti per le cessioni di queste ore sarebbe un errore doppiamente grave che non intendo commettere perciò non mi preoccupo troppo delle loro eventuali variazioni tattiche: il Bologna deve lavorare al meglio su se stesso. Dipenderà molto da come saremo noi ad intepretare la partita“.

Donadoni e Cassano (ph. Zimbio)

Donadoni non ha voluto parlare del rapporto con Cassano (ph. Zimbio)

Punzecchiato sul rapporto con Cassano e sul fatto di non essere riuscito a cambiarlo, il tecnico rossoblù non si scompone: “Mi aspetto di vedere sicuramente un ottimo giocatore ma credo che sia troppo facile elogiarsi per quello di buono che si è fatto in carriera. Diffido di chi lo fa come regola di vita ed intendo non farlo mai“. Ecco allora che Donadoni parla sicuramente più volentieri della sua squadra: “Aspetto di avere di nuovo a disposizione Zuniga che tornerà la prossima settimana dopo un lungo viaggio con implicazioni psicologiche pesanti ma per il resto stiamo abbastanza bene anche se Rizzo, Brienza e Maietta non sono ancora al 100%. Ci siamo allenati bene e ho concesso il giovedì libero anche perchè non mi piace fare le cose in modo automatico e prevedibile. Sono contento di quello che ha fatto Floccari anche se il suo futuro dipenderà da se stesso e dai compagni ma anche la prestazione di Morleo è la dimostrazione che chi subentra e fa bene può essere sempre uno stimolo in più per i compagni che magari si sentono più sicuri del posto in squadra“. Infine il mister ha speso qualche parola sul calciomercato spiegando alcuni dettagli importanti: “Stiamo facendo capire ad alcuni ragazzi che sarebbe meglio per loro a livello professionale trovare un’altra realtà in cui avere maggiore spazio e possibilità di mettersi in mostra. Per Constant invece spero che si riescano ad ultimare le formalità perchè è un giocatore ancora giovane ma con un passato importante che può darmi molte alternative. Negli ultimi due mesi si è allenato in Francia con la squadra in cui è cresciuto quindi non avrà magari il ritmo della partita ma può essere subito utile“.

Print Friendly, PDF & Email



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *