Donadoni: “Veniamo da due buone gare ma vogliamo incrementare la nostra classifica”


Roberto Donadoni ha parlato in conferenza stampa alla vigilia della trasferta di Crotone: domani, allo Scida, i rossoblù andranno alla ricerca di una vittoria esterna che manca dal 22 Dicembre a Verona

– di Calogero Destro –

Roberto Donadoni in conferenza stampa alla vigilia di Crotone-Bologna

Il Bologna va a Crotone alla ricerca di una vittoria esterna che manca dal 22 dicembre, quando i rossoblù espugnarono il Bentegodi piegando il Chievo grazie al gol di Destro (che realizzò una doppietta) nel finale. Roberto Donadoni ha presentato così la sfida contro i calabresi: “Dobbiamo provare a continuare a fare quello che stiamo facendo. Veniamo da due partite buone, ma vogliamo incrementare la nostra classifica. Domani andiamo ad affrontare un avversario in una situazione complicata. Sarà una partita tosta ma sappiamo che possiamo tornare a casa con un risultato positivo. Non è questione di difendere l’undicesimo posto o meno: ci stiamo sforzando ogni giorno per provare a crescere e aumentare il nostro bottino a livello di punti per scalare la classifica. Effetto ambientale? Ha un suo peso: il pubblico darà molta spinta ma noi dovremo essere bravi a ribattere colpo su colpo. L’impatto iniziale sarà fondamentale. Far capire subito all’avversario che siamo lì per i tre punti: questo è l’atteggiamento giusto. Dovremo essere bravi ad essere compatti ed allo stesso tempo propositivi. A volte rimaniamo troppo in attesa, magari quando i centrali avrebbero la possibilità di proporre gioco. Zenga? Mi fa pensare a quando ero giovane. Lui ha girato il mondo da allenatore. Tanti avvenimenti ci hanno legato nel corso delle nostre carriere da calciatori. Ma ora pensiamo al presente. Domani si incontreranno due vecchi amici che cercheranno di far vincere la propria squadra“.

Queste le parole del tecnico sull’aggressione nei confronti di Dzemaili avvenuta due giorni fa all’uscita da Casteldebole: “Blerim ieri si è allenato bene. Non ha nessun tipo di problema in particolare. Non mi sembrava preoccupato per l’accaduto”. 

Poi sulla situazione infortunati: “Da Costa non è al 100%, ma non dovrebbe avere grossi problemi. Nagy ieri ha preso una botta. Gonzalez ha quel problema al ginocchio che poi si è riassorbito ma domani non ci sarà“.

Su Mattia Destro: “Quando giochi con il 4-3-3 il ruolo del centravanti è abbastanza definito. Destro non è uscito da nessuna rotazione: io mi affido ancora alle sue capacità e ci conto sempre. Credo da qui a fine campionato ci sarà spazio per far

valere le sue qualità”.

Questo il pensiero di Donadoni sul finale di campionato e sul proprio futuro: “Noi dobbiamo ragionare sempre come se fossimo con l’acqua alla gola: questo dev’essere il modo di ragionare di chi è ambizioso. A me non piace nemmeno perdere una partita a carte. Da qui alla fine abbiamo la possibilità di poter determinare qualcosa ed ogni partita andrà affrontata con determinazione. I fischi di sabato? Noi tutti siamo qui per fare il meglio. E’ chiaro che quando le cose non vanno come vorremmo i primi ad essere dispiaciuti sono i protagonisti. Mi auguro di accontentare tutti: c’è sempre qualcuno che in tutti gli ambienti è più bravo di me. Ma non possiamo fare niente di più che cercare di metterci il massimo impegno per avvicinarci a chi è più bravo. Prossima stagione? Ci sono delle situazioni che stiamo valutando strada facendo. Non è che tutto è rimandato alla fine: per esempio questa settimana Valencia si è allenato con noi. Però adesso per quello che ci compete stiamo facendo tutti i nostri ragionamenti senza tralasciare nulla”.

 

Print Friendly, PDF & Email



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *