Dopo il Napoli si diverte anche il Cittadella. Dal 2000 Bologna umiliato a ripetizione


Dal 2000 il Bologna ha incassato alcune delle sue peggiori sconfitte. In Coppa Italia beffe per mano di Pavia, L’Aquila, Frosinone e Cittadella

– di Marco Vigarani –

La disperazione di Adam Masina dopo il ko contro il Cittadella (ph. Schicchi)

A volte per riprendersi da una brutta batosta può essere sufficiente scappare per un istante nel mondo dei ricordi. Oggi questo non può bastare dopo aver assistito all’ennesima umiliazione patita dal Bologna sul proprio campo. Non può bastare ad una società che dice di puntare ad un futuro luminoso e non può bastare ad una città che ieri ha messo da parte la voglia di mare per farsi tradire nel modo più crudele. Le migliaia di spettatori comunque presenti al Dall’Ara non hanno esitato a far sentire la propria rabbia di fronte ad uno spettacolo talmente brutto da sembrare irreale ed ora il cammino per i ragazzi di Donadoni nella stagione 2017/18 è già tutto in salita. Non c’era un credito da spendere e già ci si è bruciati in partenza almeno quel velo di ottimismo o spirito positivo che accompagna tradizionalmente ogni nuovo inizio.

Non poteva passare inosservata la quarta clamorosa eliminazione dalla Coppa Italia negli ultimi otto anni. In principio fu il Frosinone nel 2009 a sbancare il Benelli di Ravenna (campo casalingo del Bologna per una notte) passando attraverso la lotteria dei calci di rigore e ieri il cerchio si è chiuso con il Cittadella, capace di abbattere i rossoblù in un solo tempo senza lasciare possibilità di replica: 0-3 e partita in cassaforte all’intervallo. In mezzo ci sono state altre due umiliazioni estive in rapida sequenza a metà tra la fine dell’era Guaraldi e l’inizio del sogno (?) americano. Nel 2014 il Bologna che si apprestava ad affrontare il campionato di B venne fatto fuori al Dall’Ara dal generoso L’Aquila per 1-2 dopo i tempi supplementari mentre dodici mesi dopo, sul campo di Vicenza, gli emiliani neopromossi in A vennero fatti fuori in modo ancor più clamoroso dal Pavia.

La delusione di Maietta, Verdi e Nagy dopo il ko per 1-7 contro il Napoli (ph. Zimbio)

Se la Coppa Italia non riserva evidentemente grandi soddisfazioni al club felsineo, il campionato dal 2000 in poi è stato ancor più avaro. Tre le dieci peggiori sconfitte casalinghe della storia rossoblù infatti la metà si sono verificate nel nuovo millennio a partire dallo 0-4 incassato dalla Roma nel 2003 per arrivare al tragico 1-7 di recentissima memoria rifilato dal Napoli alla banda di Donadoni appena pochi mesi fa. Non solo grandi squadre corsare in terra emiliana ma anche realtà decisamente alla portata come Bari (0-4 nel 2011), Verona (1-4 nel 2013) e Siena (1-4 nel 2009). Una storia recente di amarezze ed umiliazioni che non valgono le glorie di un passato ormai però troppo lontano. Con l’avvento della nuova proprietà più di qualcuno sperava di poter tornare a sognare ma le prospettive appaiono ben diverse. Forse basterebbe quella famosa squadra “di cui andare fieri“. Per ora non l’ha vista nessuno.

Print Friendly, PDF & Email



One thought on “Dopo il Napoli si diverte anche il Cittadella. Dal 2000 Bologna umiliato a ripetizione

  1. Giuseppe Sasdelli

    BASTA. Non ne possiamo più di queste figure di M
    davanti a tutta l’Italia. Si devono vergognare tutti!.Ci sono giocatori sopravvalutati e alcuni che non rendono al meglio.Donadoni dopo un anno e mezzo non ha ancora dato un gioco e un anima a questa squadra e dire che i giocatori sono quasi gli stessi.
    Siamo sicuri che oltre a un vice Destro non ci voglia anche un vice Donadoni?
    Un tifoso stanco e deluso

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *