Doppio Mounier e poker Bologna. Verona liquidato, ora tocca all’Inter


Il Bologna non fallisce l’appuntamento con la Coppa Italia e liquida il Verona con i gol di Di Francesco, Krafth e Mounier, autore di una doppietta 

– di Marco Vigarani – 

Federico Di Francesco ha sbloccato la gara contro il Verona (ph. Bologna)

Federico Di Francesco ha sbloccato la gara contro il Verona (ph. Bologna)

Quarto turno di Coppa Italia al Dall’Ara tra Bologna e Verona, due squadre separate formalmente da una categoria ma forse nei valori più vicine di quanto ci si potrebbe attendere. In realtà però sia Donadoni che Pecchia attingono a piene mani alle rispettive panchine nel formare gli undici iniziali dando spazio a chi finora ha trovato meno spazio. Confermate le sensazioni della vigilia in casa rossoblù ad eccezione di Mattia Destro regolarmente in campo al centro dell’attacco tra Mounier e Di Francesco. Sono però gli ospiti i primi a pungere con un imprendibile Valoti che dopo cinque minuti serve un pallone prezioso nel cuore dell’area per Ganz ma il tiro a botta sicura del figlio d’arte si spegne sul palo. Dopo qualche minuto di sofferenza il Bologna cerca la reazione trovando però solo un tiro velleitario di Pulgar dalla lunga distanza che non impensierisce Coppola. Timidi e lenti, i ragazzi di Donadoni finiscono per subire l’iniziativa volenterosa dei veneti che cercano un buon fraseggio di prima e frequenti cambi di gioco: la prima mezz’ora è una delusione per i pochi tifosi presenti al Dall’Ara (meno di 8mila). Mounier non trova la porta al 27′ da posizione defilata mentre invece pochi istanti dopo Pulgar invece incontra sulla sua strada il portiere avversario ma il gol alla fine arriva con Di Francesco che al 31′ scaraventa in rete un pallone vagante al limite dell’area sugli sviluppi di un calcio d’angolo. Vantaggio quasi casuale per il Bologna che però trova convinzione dal gol e legittima il risultato con il raddoppio immediato firmato da Mounier su assist intelligente di Destro: 2-0 confortante che permette ai rossoblù di tornare negli spogliatoi con il sorriso.

Doppietta per Anthony Mounier contro il Verona (ph. Schicchi)

Doppietta per Anthony Mounier contro il Verona (ph. Schicchi)

Nessun cambio in avvio di ripresa con il Verona che prova ad alzare il baricentro esponendo il fianco ad un Bologna che però non riesce a sfruttare a dovere il contropiede prima con Di Francesco e Destro. La prima sostituzione arriva al 60′ con Gomez che rileva l’ex Bessa andando a rinforzare l’attacco di mister Pecchia il quale pochi minuti inserisce anche Luppi al posto di Valoti per andare a caccia del gol della speranza mentre Donadoni toglie un evanescente Donsah per rinforzare la mediana con il pretoriano Dzemaili. Le emozioni però latitano e le squadre cercano anche di usare maggiormente il fisico non lesinando qualche intervento sopra le righe. Un tentativo fallito di Luppi in acrobazia nell’area felsinea anticipa l’ultimo cambio del Verona che vede Caracciolo prendere il posto di Zaccagni mentre Okwonkwo rileva Di Francesco senza modificare quindi l’impianto tattico di mister Donadoni. All’improvviso però si riaccende il cuore rossoblù quando all’86’ ancora il francese Mounier incorna al centro dell’area un cross preciso di Krafth chiudendo definitivamente la pratica. Ultimo cambio per il Bologna che manda in campo anche Taider per Pulgar ma c’è ancora tempo di aggiornare l’elenco dei marcatori perché all’ultimo minuto si aggiunge alla festa anche Krafth con un preciso destro dal limite dell’area. Il poker rossoblù si completa grazie al primo gol bolognese dello svedese che proietta i ragazzi di Donadoni agli ottavi di finale a San Siro contro l’Inter. Un risultato forse più netto del previsto che arriva al termine di una gara in cui il Bologna ha però tremato in realtà solo sul palo iniziale di Ganz. Una bella soddisfazione e soprattutto un’iniezione di fiducia in vista delle ultime gare di campionato che dovranno rilanciare le ambizioni rossoblù per una stagione ancora tutta da scrivere.

Print Friendly, PDF & Email



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *