Dovizioso concede il bis: trionfa anche a Barcellona! Vinales nel mirino


Secondo successo consecutivo per Dovizioso su Ducati che ora è a -7 da Vinales in classifica. Sul podio Marquez e Pedrosa, male Rossi

– di Alberto Bortolotti –

Il podio del GP di Catalogna con Dovizioso davanti a tutti (ph. Ducati)

Andrea Dovizioso e la Ducati non si fermano più: dopo il Mugello a sorpresa hanno tinto di Rosso anche Barcellona, pista storicamente ostile alla Desmosedici. Il forlivese si è rilanciato prepotententemente nella caccia al titolo, visto che il leader iridato Maverick Vinales ha vissuto una domenica nera con la sua Yamaha ed ha chiuso solamente decimo.A fine gara Dovi ne ha analizzato le particolarità: “Questo weekend è stato stranissimo per tutti. Siamo riusciti a vincere perché siamo stati i più intelligenti a capire sia i limiti della pista che delle gomme, non perché eravamo i più veloci. Ci siamo concentrati sulla costanza capendo che il calo degli pneumatici sarebbe stato enorme. I tempi che si sono visti nei vari turni non contavano nulla, si girava sul minuto e qurantacinque basso, ed in gara questo ritmo non si è mai visto. Consapevole di questo mi sono concentrato sulla guida, selezionando le mappe di potenza in base al poco grip dovuto anche ai 50 gradi dell’asfalto“.

Alle sue spalle Marc Marquez. Vinales è sempre al comando a quota 111, ma ora ha soli 7 punti di margine su Dovizioso, mentre il campione del mondo in carica è a quota 88, quindi paga 23 lunghezze. Discorso che vale anche per Dani Pedrosa, che ha condotto la gara per parecchi giri. In ogni caso per lui c’è il quarto posto nella classifica iridata, pochi punti più indietro rispetto al compagno di box. Ai piedi del podio c’è Jorge Lorenzo, che come al Mugello ha condotto la gara e stavolta lo ha fatto per diversi giri. A completare la top 5 c’è Johann Zarco. Peccato per Danilo Petrucci, quinto fino al penultimo giro e ancora una volta capace di stare nel trenino di testa. Poi però ha perso l’anteriore della sua Ducati Pramac alla curva 5 ed è stato costretto al ritiro.

E’ stata una domenica davvero nera per le Yamaha ufficiali, con Valentino Rossi alla fine ottavo e Vinales appunto decimo. L’analisi del Dottore: “Avendo guidato la moto dell’anno scorso ed essendo un buon collaudatore, mi è sembrato che questa moto faccia più fatica a curvare rispetto a quella dell’anno scorso. Poi ci sono delle piste in cui soffriamo meno ed altre dove soffriamo di più, ma per me il problema è che la moto non curva e dobbiamo stare piegati un sacco, quindi stressiamo molto la gomma dietro sull’edge e dopo 10 giri ti molla“. Disastrosa però anche la gara della Suzuki : Andrea Iannone ha portato a termine la gara, ma non è riuscito a fare meglio del 16esimo posto.

In Moto2 solo sesto Morbidelli, avvicinato da Luthi in classifica, la vittoria va a Marquez junior sul confermatissimo Pasini.

Quanto a Moto3, il dominatore Mir, che vince, porta a 45 punti il suo vantaggio in graduatoria. Secondo si classifica Fenati e quarto Bastianini.

Print Friendly, PDF & Email



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *