Due gol poi il diluvio: Cile e Pulgar in finale


Un avvio micidiale del Cile con due gol in in cinque minuti annienta la Colombia prima di una pausa di oltre due ore per pioggia. Esordio per Pulgar

– di Marco Vigarani –

Cile vincente per 2-0 sulla Colombia: è di nuovo in finale con l'Argentina (ph. Zimbio)

Cile vincente per 2-0 sulla Colombia: è di nuovo in finale con l’Argentina (ph. Zimbio)

Emozioni e sorprese non sono certamente mancate nella seconda semifinale di Copa America che ha visto il Cile superare la Colombia evidenziando una volta di più la sua crescita esponenziale a maggior ragione vista l’autorevolezza dimostrata nonostante la squalifica del leader Vidal. A premiare la Roja ancora una volta è stata una partenza bruciante che ha steso gli avversari: al 6′ Aranguiz ha approfittato di un errore di Cuadrado per siglare il vantaggio e cinque minuti dopo Fuenzalida ha realizzato il raddoppio in tap in su palo colpito da Sanchez. La gara si è quindi chiusa prima del quarto d’ora e così il Cile ha iniziato a rallentare concedendo qualcosa alla Colombia nel finale del primo tempo pur non correndo gravi pericoli. Il vero problema è arrivato dal cielo visto che su Chicago si è abbattuto un vero e proprio nubifragio che ha costretto la direzione di gara ad un intervallo di due ore e mezza prima di dare il calcio d’inizio alla ripresa grazie al lavoro degli inservienti. Nel secondo tempo poi il vero protagonista è stato l’arbitro salvadoregno Aguilar che prima ha negato un rigore evidente alla Colombia per fallo di Jara su Martinez, poi ha espulso con eccessiva fiscalità Sanchez per doppia ammonizione lasciando in inferiorità numerica i Cafeteros e nel finale ha negato un penalty anche al Cile. Nel frattempo ovviamente la gara si è innervosita, falli ed ammonizioni hanno iniziato a volare e nei minuti finali c’è stato tempo anche per un’invasione di campo da parte di uno spettatore e per un accenno di rissa in salsa milanese tra Bacca e Medel.

Il rossoblù Erik Pulgar in campo dalla mezzora del primo tempo (ph. Zimbio)

Il rossoblù Erik Pulgar in campo dalla mezzora del primo tempo (ph. Zimbio)

Da segnalare la buona prova di Erick Pulgar, centrocampista del Bologna che ha preso il posto di Hernandez alla mezzora del primo tempo rendendosi anche pericoloso nella ripresa con un buon colpo di testa. La finale di domenica a New York vedrà quindi nuovamente opposti Cile ed Argentina confermando i valori espressi l’anno scorso e riproponendo una sfida già vista recentemente nel girone di qualificazione ai Mondiali del 2018 ma anche nella fase a gruppi di questa Copa America. In entrambi i casi Messi e compagni hanno avuto la meglio ma questo Cile sembra una squadra trasformata e nata per vincere: al campo la sentenza.

CILE – COLOMBIA 2-0
Cile (4-3-3) C.Bravo, J.Fuenzalida (29’st E.Puch), G.Jara, G.Medel, M.Isla, F.Silva, C.Aranguiz, P.Hernandez (29′ pt E.Pulgar), E.Vargas (43’st M.Gonzalez), J.Beausejour, A.Sanchez. All. J.Pizzi.
Colombia (4-2-3-1) D.Ospina, C.Zapata, J.Murillo, S. Arias, F.Fabra (26’st S.Perez), C.Sanchez, D.Torres, J.Cuadrado (35’st C.Bacca), E.Cardona (1’st M.Moreno), J.Rodriguez, R.Martinez. All. J.Pekerman.
Arbitro: J.Aguilar (El Salvador)
Reti: nel pt al 6′ C.Aranguiz, all’11’Fuenzalida
Ammoniti: nel pt al 39′ C.Bravo, al 41′ C.Sanchez, al 45’+3 A. Sanchez, nel st al 18′ J.Beausejour, al 32′ E.Puch, al 40′ F.Silva, al 44′ C.Bacca, al 45′ J.Rodriguez
Espulsi: nel st al 10′ al C.Sanchez

Print Friendly, PDF & Email



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *