E alla fine arriva Sock: l’americano chiude il quadro delle Finals di Londra


Una vittoria a sorpresa nel Masters 1000 di Parigi Bercy concede il pass all’americano Jack Sock per giocare l’ultimo torneo dell’anno con i più grandi. Nadal e Federer all’ultimo giro di questo 2017

-di Giuseppe Cambria-

Jack Sock ha vinto a Parigi ed accede così alle Finals di Londra (ph. Zimbio)

Non c’è più niente per cui lottare. Il primo posto è ormai fisso e consolidato nelle mani di Rafael Nadal: un anno davvero impeccabile per lui. Lo spagnolo ha dato forfait nell’appena concluso torneo di Parigi per salvaguardare il ginocchio che gli aveva procurato fastidi. Tutto per poter competere per un titolo mai conquistato in carriera: l’ultimo Masters 1000 della stagione, l’ATP finals di Londra. Ormai si lotta per la gloria. C’è da concludere una sfida epica eterna del tennis contemporaneo ma resuscitata in questo 2017: Nadal- Federer, con lo svizzero, ancorato invece al secondo posto, che punta a chiudere comunque questo suo anno irripetibile, ricco di vittorie pesanti per i suoi 36 anni, dall’Australian Open all’ottavo titolo a Wimbledon. Nell’O2 Arena di Londra, dal 12 al 19 novembre, si chiuderanno definitivamente le danze e nessuno voleva perdersi questo ultimo giro. Lasciati fuori dai giochi Novak Djokovic e Andy Murray, vittime in questa loro deludente stagione delle pessime prestazioni e di infortuni vari, c’è stata lotta intesa per chiudere il quadro delle finals. Gli altri sicuri, dopo Nadal e Federer, sono Alexander Zverev, Dominic Thiem, Marin Cilic, Grigor Dimitrov e David Goffin L’ultimo posto invece è stato deciso proprio a Parigi. E a chiudere il quadro dei magnifici otto di Londra ci sarà Jack Sock, il 25enne americano, vincitore del suo primo Masters 1000 in carriera, che  è balzato tra i primi nove del mondo (entrerà al posto dell’infortunato Wawrinka) sulla scia del connazionale leggendario, Andy Roddick. Servono 3 set a Sock per distruggere le speranze di prima vittoria importante del coetaneo serbo Filip Krajinovic. 5-7 6-4 6-3, e per strappare di prepotenza il pass per l’ultimo grande evento dell’anno. Evento nel quale non c’è più niente per cui lottare. Si gioca per lo spettacolo e per la gloria, ma è pur sempre tantissimo.

Print Friendly, PDF & Email



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *