El Shaarawy, il Faraone nel sarcofago. La Lazio per resuscitare


L’esperienza al Monaco per l’ex Milan si sta rivelando un flop, ieri non è stato nemmeno convocato per la partita di Coppa di Lega. Ecco perchè a gennaio, il Faraone potrebbe tornare in Italia

– di Luigi Polce –

Sembra passata un’eternità da quel girone di andata della stagione 2012-13, quando El Shaarawy mise a segno 14 gol in 19 gare con la maglia del Milan addosso. Poi la pausa invernale, il calciomercato, l’arrivo di Balotelli: qualcosa si inceppa, forse si rompe, nel suo rapporto con il Diavolo che, complici anche diversi infortuni, non lo vede più come un perno sul quale costruire il futuro.

Ancora a secco in Ligue 1, El Shaarawy potrebbe far ritorno in Italia a gennaio: lo cerca la Lazio (ph. direttanews)

Ancora a secco in Ligue 1, El Shaarawy potrebbe far ritorno in Italia a gennaio: lo cerca la Lazio (ph. direttanews)

Giù la cresta. Si fa comunque fatica a pensare che un calciatore possa aver già sparato tutte le sue cartucce a soli 23 anni. Il Faraone vuole dimostrare a tutti che il suo impero non è finito ma anzi può rinascere più forte di prima, e in estate accetta la corte del ricco Monaco per provare a rilanciare le sue quotazioni, anche se non soprattutto in ottica Europei vista la stima che il c.t. Conte ripone nei suoi confronti. Il 13 luglio lascia dunque Milano e si trasferisce in Francia, in prestito oneroso con obbligo di riscatto dopo 15 presenze, per un’operazione complessiva attorno ai 16 milioni di euro. Il tecnico Jardim e tutti i tifosi monegaschi si attendono tanto da Stephan, che alla seconda partita con la maglia del club del Principato segna subito il suo primo gol: è il 4 agosto, ritorno del preliminare di Champions League contro gli svizzeri dello Young Boys, e qualcuno grida già allo scandalo puntando il dito contro la scelta operata dal Milan.

In realtà però, l’avventura di El Shaarawy in Ligue 1 non è proseguita altrettanto bene: nessuna rete nei 650′ disputati, spesso partendo dalla panchina, è il bottino magro dell’ex numero 92 rossonero, ieri addirittura escluso dalla lista dei convocati per il match di Coppa di Lega contro il Bordeaux, perso 3-0 dal suo Monaco. Chiaro sintomo di un rapporto di fiducia che pare mancare tra lui e mister Jardim, il quale non sarebbe soddisfatto delle prestazioni e dello scarso impegno durante gli allenamenti da parte del suo attaccante, che a gennaio potrebbe fare le valigie e tornare in Italia per non rischiare di perdere l’aereo per Euro 2016. La Lazio sembra sulle tracce di El Shaarawy, in ottica di uno scambio con Keita che invece piace molto ai monegaschi. Vedremo se alla fine si concretizzerà il ritorno del Faraone in Italia. Per il sarcofago c’è ancora tempo, ora bisogna trovare un posto dove poter costruire la sua Piramide.

Print Friendly, PDF & Email



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *