Entro un mese il nuovo futuro della Virtus


Il CdA della Virtus ha convocato entro un mese l’Assemblea straordinaria dei soci per deliberare un aumento di capitale che cambierebbe il futuro del club bianconero

– di Marco Vigarani –

Ecco la nuova Virtus per la stagione 2015/16 (ph. Virtus)

Salvezza sul campo e fuori: ecco il programma della Virtus per i prossimi mesi (ph. Virtus)

Il momento delle decisioni in casa Virtus si avvicina a grandi passi e ieri è stato fatto un ulteriore passo avanti sulla strada verso il futuro. Il Consiglio di Amministrazione si è infatti riunito sotto la presidenza di Francesco Bertolini e con la presenza di tutti i suoi membri e del collegio dei sindaci revisori per esaminare il bilancio semestrale al 31 dicembre 2015. Uno sguardo al passato ed uno ovviamente al futuro per capire quali saranno le prospettive economiche del club fino al termine di questa stagione che ha già richiesto un ulteriore innesto sul mercato ed imposto, come la scorsa annata, un taglio per una scelta errata nella composizione del roster. Detto che non sarebbero attualmente previste ulteriori uscite di cassa per rafforzare la competitività dell’organico a disposizione di Giorgio Valli che comunque entro una settimana dovrebbe avere a disposizione finalmente anche Allan Ray, il CdA ieri ha deciso di convocare entro trenta giorni un’Assemblea straordinaria dei soci. Quella sarà la sede designata per deliberare un aumento di capitale definito in una nota “adeguato in base alle esigenze della società nei tempi e nei modi conseguenti”. In parole povere oggi il capitale sociale della Virtus è di poco superiore a 600mila euro ed evidentemente, fatti salvi gli sforzi immani della Fondazione per risanare un passivo pregresso in tempi brevissimi, non permette di guardare al futuro con grandi slanci di ottimismo: serve più denaro per programmare il domani ed ambire ad un ritorno stabile a livello delle prime in Italia. Senza parlare di Scudetto, l’ingresso ai playoff deve essere l’obiettivo bianconero per i prossimi anni e per farlo sarà necessario almeno raddoppiare se non addirittura triplicare il capitale sociale e proprio in questo senso si esprimerà tra un mese l’Assemblea straordinaria. Appare quindi evidente che chiunque decida di investire nella Virtus tra un mese potrà acquisirne la maggioranza assoluta delle quote societarie superando il modello della Fondazione e guardando al futuro con una prospettiva nuova.

Print Friendly, PDF & Email



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *