Esonerato Rossi, il Bologna aspetta Donadoni


Dopo mezza giornata di riflessioni e trattative il Bologna ha esonerato Delio Rossi ed ora attende una conferma da parte di Roberto Donadoni

– di Marco Vigarani –

Delio Rossi, oggi in conferenza stampa a Casteldebole

Delio Rossi è stato esonerato oggi dopo poco meno di sei mesi alla guida del Bologna (ph. Zimbio)

Il destino di Delio Rossi era segnato ormai da tempo e la vittoria di Modena contro il Carpi aveva in realtà solo posticipato un finale già scritto. Si conclude dopo poco meno di sei mesi l’avventura del tecnico riminese a Casteldebole pagando formalmente la sconfitta contro l’Inter ed il pessimo avvio di stagione ma in realtà in gran parte anche colpe altrui in particolare di una società che ha costruito tardivamente una rosa futuribile ma non immediatamente competitiva per la Serie A. Rossi era arrivato a Bologna il 4 maggio scorso in seguito all’esonero di Lopez nel tentativo di inseguire la promozione amche attraverso i playoff. Missione compiuta anche se tra mille sofferenze e risultati pericolosi con l’unica perla della vittoria ad Avellino, una delle pochissime della sua gestione. Il ritiro inutile in compagnia di tantissimi baby e qualche esubero con la valigia è stato l’antipasto di un avvio di stagione disastroso che ha visto il Bologna conquistare appena sei punti in dieci giornate maturando otto sconfitte e vincendo soltanto le fare contro le altre due neopromosse. Nelle ultime ore Saputo, presente per partecipare al CdA, ha riflettuto ulteriormente sul destino del suo club per poi procedere alla scelta già maturata. Eccola nota ufficiale: “Il Bologna Fc 1909 comunica di aver sollevato dall’incarico di allenatore della prima squadra Delio Rossi, cui va un sentito ringraziamento per il lavoro svolto con professionalità e competenza. A lui e ai suoi collaboratori il Club augura le migliori fortune professionali“. Spostato al pomeriggio l’allenamento a cura di Magnani, Saputo e Fenucci hanno giocato le proprie carte per convincere Roberto Donadoni ad accettare l’incarico e nelle prossime ore è attesa una risposta definitiva. Il futuro del Bologna dovrebbe ormai essere nelle mani dell’ex ct azzurro ma un suo rifiuto creerebbe seri problemi al club rossoblù.

Print Friendly, PDF & Email



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *