Europa League: Lazio già ai sedicesimi, Milan e Atalanta fermate sul pari


I biancocelesti, grazie ad un’autorete negli ultimi minuti di gara contro il Nizza, sono già qualificati da primi ai sedicesimi. Atalanta beffata nel finale a Cipro (1-1), pari del Milan in Grecia sul campo dell’AEK

– di Calogero Destro –

Serata d’Europa League che non fa sorridere del tutto le italiane. Poteva essere la notte dell’en plein, con tre squadre nostrane qualificate alla fase ad eliminazione diretta in contemporanea. Ma Atalanta e Milan, fermate sul pari nel Mediteraneo orientale, tra Grecia e Cipro, dovranno attendere ancora per la certezza matematica.

Festa in casa Lazio: ancora una vittoria contro il Nizza (ph. Zimbio)

Ha invece di che gioire la Lazio, che all’Olimpico, contro il Nizza, conquista i sedicesimi di finale con due turni d’anticipo. Gara molto tattica quella fra i biancocelesti e i francesi, con la squadra di Inzaghi a salvaguardare saggiamente il vantaggio in classifica e gli ospiti troppo compassati per riuscire ad alzare i ritmi. L’unica vera occasione della gara la crea Marusic al 33′ del primo tempo, il cui tiro dal limite – deviato da Koziello – finisce fuori di un soffio. La risposta del Nizza è tutta nel destro potente di Snejder, che a metà ripresa, dai 35 metri, prova ad impensierire – ma senza successo – Strakosha. Decide al 92′ l’autorete di Le Marchand, che infila Benitez sulla spizzata di Parolo, regalando il pass qualificazione alla Lazio, aritmeticamente sicura del primato nel Girone K con 12 punti. Girone nel quale rientra in gioco lo Zulte Waregem, corsaro sul campo del Vitesse e adesso a quota 4 punti, due in meno del Nizza, secondo.

Josip Ilicic, autore del gol dell’Atalanta contro l’Apollon (ph.zimbio)

Solo pari per Milan e Atalanta- Arrivano due pareggi, invece, per Atalanta e Milan, ma sono due X dal sapore diverso. Per i bergamaschi l’1-1 contro l’Apollon è un risultato beffardo, e in parte anche bugiardo. Perché gli orobici, dopo il vantaggio di Ilicic al 35′ su rigore, avevano controllato la gara da squadra matura, non rischiando nulla, o quasi. Nella ripresa la traversa negava il raddoppio a Petagna, lasciando gara in bilico. Così, i ragazzi di Gasperini, vengono puniti a recupero inoltrato da Zelaya, che insacca di testa in mezzo a Masiello e Caldara. Nessun dramma per i nerazzurri, che salgono a quota 8 e sono primi nel proprio girone assieme al Lione, che schianta 3-0 l’Everton, fanalino di coda del gruppo. Ai lombardi, per la matematica qualificazione, basterà un punto nelle prossime due gare, dove sarà importante chiudere davanti al Lione per evitare un sorteggio duro ai sedicesimi. Pareggio diverso quello del Milan ad Atene, dove l’AEK rischia a più riprese di sfiorare il vantaggio, ma se lo vede negare da Donnarumma prima – bravo a respingere sulla conclusione di Lopes – e dalla sfortuna, poi, col tiro di Galo che si spegne di poco a lato.  Nella ripresa Montella inserisce Suso per Cutrone e lo spagnolo dà subito un minimo di vivacità alla manovra dei rossoneri, che vanno anche vicini allo 0-1 con Montolivo. Ma il palo nega la gioia del gol all’ex viola e si rimane sullo 0-0. Nel finale, Bonucci e soci rischiano ancora in un paio di circostanze, ma tornano a Milano con buon punto per la classifica, meno per il morale, che definire sotto i tacchetti sarebbe riduttivo. Rossoneri primi nel Gruppo D con 8 punti, a 6 c’è l’AEK, mentre a 4 l’Austria Vienna, che dilaga sul campo del Rjieka (1-4), fermo a quota 3.

Gli altri risultati- Tra glia altri risultati da segnalare il pari dell’Arsenal contro la Stella Rossa (0-0) e quello dello Zenit di Mancini contro il Rosenborg (1-1). Russi che rimangono in testa al Girone L, ma con un solo punto di vantaggio sulla Real Sociedad, che vince in scioltezza contro il Vardar (3-0). Prima vittoria stagionale del Colonia, che schianta in rimonta il Bate 5-2 e ottiene i primi 3 punti della propria travagliata stagione. Ad un passo dalla qualificazione la Dynamo Kiev, corsara sul campo dello Young Boys e quasi certa nel primo posto del Gruppo B.

 

 

Print Friendly, PDF & Email



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *