Fabio Basile nella storia: 200° oro olimpico italiano!


Giornata storica per l’Italia olimpica che si aggiudica il 200° oro della sua storia grazie al judoka Fabio Basile e conquista ben 5 medaglie. Daniele Garozzo trionfa nella scherma portando gli ori a quota 2 . Non deludono Tania Cagnotto e Francesca Dellapè, argento nei tuffi sincronizzati. Argento anche nel judo femminile per Odette Giuffrida. Medaglia di bronzo per Elisa Longo Borghini nel ciclismo, specialità corsa in linea

di Francesco Ferrari

Fabio Basile, judoka, conquista la 1^ medaglia di Rio 2016 e la 200^ della storia italiana

Fabio Basile, judoka, conquista la 1^ medaglia d’oro a Rio 2016, la 200^ della storia italiana

Giornata da incorniciare per l’Italia olimpica: 2 ori, 2 argenti e 1 bronzo. Secondo posto in solitaria nel medagliere, sotto solo all’Australia. A scrivere una pagina di storia però è Fabio Basile, judoka di 21 anni di Rivoli, tesserato per l’esercito italiano. Arriva in finale in scioltezza, eliminando gli avversari sempre con ippon e anche in finale stessa musica: per battere il sudcoreano An Ba-ul con ippon gli bastano solo 84” di gara. Fabio esulta e porta così a casa il 1° oro dell’Olimpiade di Rio 2016 ma soprattutto il 200° oro italiano in gare olimpiche. Nel judo femminile viene fermata in finale e conquista così la medaglia d’argento Odette Giuffrida, battuta dalla kosovara Majlinda Kamendi. La scherma con il fioretto regala all’Italia il 2° oro dell’olimpiade grazie ad un grande pomeriggio di Daniele Garozzo. Il più quotato per la vittoria finale era Andrea Cassarà, eliminato a sorpresa dal tedesco Kruse. Daniele arriva in finale contro lo statunitense Alexander Massialas e si aggiudica l’oro battendolo in 3 set per 15-11, dopo una serie interminabile di tocchi non convalidati che rischiavano di deconcentrare l’azzurro. Nei tuffi sincronizzati c’era grandissima attesa per la coppia Cagnotto-Dallapè e le due ragazze non si sono fatte sfuggire l’occasione. Dietro solo alla copia cinese Shi-Tingmao e Wu Minxia, praticamente perfette, le due italiane si sono comunque aggiudicate l’argento con un ottimo distacco sulle australiane, arrivate terze. Medaglia di bronzo e tante lacrime di gioia per la ciclista Elisa Longo Borghini, terza nella specialità corsa in linea. Parte bene anche l’Italvolley maschile: 3-0 secco alla Francia, con lo Zar Zaytsev sugli scudi, ma tutto il gruppo è stato autore di una prova confortante. Deludono le aspettative invece le ragazze del tiro con l’arco che si fanno sfuggire il bronzo per un soffio, decisivo l’errore della debuttante Guendalina Sartori, che totalizza solo 3 punti e cancella ogni speranza di medaglia. Male anche i ragazzi del nuoto, eliminata la squadra di staffetta 4×100.

Oltre alla splendida giornata azzurra, un po’ di Italia in campo anche nella sfida di calcio tra Nigeria e Svezia: Umar Sadiq, il giovane talento della Roma, da tempo accostato al Bologna, segna ancora e la Nigeria supera per 1-0 la Svezia mantenendo la vetta del Gruppo B a punteggio pieno. Parte fortissimo anche la Nazionale Usa di basket che asfalta la Cina per 119-62, Durant migliore in campo, autore di 25 punti. Purtroppo non solo notizie liete da Rio: l’olandese Annemiek van Vleuten, in testa alla gara di ciclismo di corsa in linea, perde il controllo della bicicletta e si schianta al suolo in un fosso: dopo una prima diagnosi rassicurante, purtroppo per lei si sono evidenziate alcune fratture spinali. Un grosso in bocca al lupo all’atleta olandese.

Print Friendly, PDF & Email



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *