Favola FA Cup: portieri goleador, attaccanti XL e Mourinho umile


Prosegue in Inghilterra la mitica FA Cup che ogni anno racconta storie incredibili: gare decise dal gol di un portiere, un attaccante da 110 kg e Mourinho che si scusa

– di Marco Vigarani –

L'attaccante Akinfenwa del Wimbledon arriva a 110kg (ph. Zimbio)

L’attaccante Akinfenwa del Wimbledon arriva a 110kg (ph. Zimbio)

Le ultime stime parlano di un netto calo dell’interesse degli spettatori inglesi con un decurtamento medio di 7mila presenze per gara, ma il calcio moderno non potrà mai permettersi di perdere la FA Cup. La più importante coppa del calcio inglese è arrivata alla sua 134esima edizione confermando sempre più il suo status di competizione ad eliminazione diretta più antica del mondo e, concluso ieri sera il suo terzo turno, ha portato all’attenzione degli appassionati di tutto il mondo alcune vicende curiose.

Si parte ovviamente dalla chance offerta quasi ogni anno ad una squadre proveniente dalle leghe inferiori di brillare su palcoscenici prestigiosi ed in particolare dal Cambridge United che, proveniente dalla quarta divisione, fra pochi giorni sfiderà il Manchester United. Hanno ottenuto l’accesso al tabellone principale anche sei formazioni di terzo livello mentre invece si è fermato pur lottando con onore l’unico club proveniente addirittura dalla settima categoria, il Blyth Spartans. Hanno invece perso il posto già cinque squadre di Premier League: QPR, Newcastle, Everton, Hull City e Burnley.

Il portiere Adrian del West Ham segna il rigore decisivo (ph. Zimbio)

Il portiere Adrian del West Ham segna il rigore decisivo (ph. Zimbio)

Ha rischiato parecchio anche il Manchester City vincendo soltanto in pieno recupero così come il Liverpool si è dovuto affidare ad una doppietta del suo capitano ed ormai ex simbolo Gerrard per avere ragione del Wimbledon. Per il piccolo club londinese di quarta serie aveva siglato il momentaneo 1-1 Adebayo Akinfenwa, attaccante già noto da diverso tempo per la sua stazza fisica a dir poco imponente: la passione per il culturismo lo ha portato attualmente ad un peso di addirittura 110 kg che intimidiscono qualsiasi avversario.

Tra le rarità di questa stagione in FA Cup spicca sicuramente anche il mea culpa dell’orgoglioso Jose Mourinho, capace di scusarsi pubblicamente in conferenza stampa con l’arbitro per averlo criticato duramente durante la partita per un possibile episodio da rigore. In una delle sfide più recenti dell’ultimo turno poi sono stati necessari ben venti rigori per avere una squadra qualificata ai sedicesimi di finale. West Ham ed Everton infatti hanno concluso sul 2-2 anche i supplementari andando avanti ad oltranza nei tiri dal dischetto fino alla sfida diretta tra i due portieri con Adrian abile nel beffare il collega Robles che invece ha fallito l’opportunità.

Print Friendly, PDF & Email



One thought on “Favola FA Cup: portieri goleador, attaccanti XL e Mourinho umile

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *