Federer e tutti gli altri: la prima settimana di Wimbledon


Breve resoconto dei primi match della settimana a Londra nei quali i big non deludono le aspettative e marciano verso gli ottavi. Gli italiani, invece, sono già fuori

-di Giuseppe Cambria-

A Wimbledon è Roger Federer l’uomo da battere (ph. Zimbio)

Pronti, partenza, via. Una settimana secondo i piani. Ancora niente sorprese a Londra sui campi erbosi dell’ All England Lawn Tennis an Croquet. A Wimbledon gli dei del tennis, in tenuta bianca, proseguono la marcia verso gli ottavi e completano un tabellone che appare spettacolare. Ma si riparte il lunedì: le divinità di domenica riposano. Un pochino, sopra tutti gli altri, resta senza ombra di dubbio Roger Federer che ha superato i primi turni con tranquillità e che ha strappato il pass per accedere agli ottavi di finale con un’altra partita travolgente: in quasi due ore fa fuori Mischa Zverev con il punteggio finale di 7-6 6-4 6-4. Agli ottavi lo svizzero si ritroverà di fronte colui che in passato era stato considerato il suo erede, ma che ancora si rivela un campione mancato: il bulgaro Grigor Dimitrov. Il 26enne si è visto in ottima forma e ha superato nel terzo turno brillantemente l’israeliano Dudi Sela in due set, 6-1 6-1, e con il successivo ritiro dell’avversario per un problema inguinale. Federer contro Dimitrov sarà un ottavo da non perdere. Dietro lo svizzero non manca all’appello Rafael Nadal che ha superato il russo Khachanov in tre set: 6-1 6-4 7-6. Il tabellone è propizio alla finale tra i due colossi, Nadal e Federer – uno nella parte alta e l’altro in quella bassa – che fino a questo momento hanno dominato la scena internazionale del tennis. Ma si attendono sempre e comunque sorprese o miracoli. A completare il quadro degli ottavi troviamo, invece: Novak Djokovic che ha avuto la meglio su un confusionario Gulbis ,in tre set con il punteggio di 6-4 6-1 7-6; il numero 1 Andy Murray che, con enorme fatica, strappa via l’ultima bandiera italiana dal torneo londinese, Fabio Fognini, dopo la precedente perdita di Paolo Lorenzi uscito al secondo turno. Allo scozzese sono serviti ben 4 set per poter eliminare il ligure dalla competizione: 6-2 4-6 6-1 7-5. Gli altri “big” sotto osservazione saranno: il piccolo Alexander Zverev, perfetto durante questa settimana e vittorioso nel terzo turno contro l’austriaco Sebastian Ofner, che dovrà vedersela con un avversario ostico come Milos Raonic; e l’austriaco Dominic Thiem che nonostante la sofferenza iniziale nel terzo turno contro l’americano Jared Donaldson non ci ha fatto mancare grandi giocate e forte intensità. Adesso il meglio sarà concentrato tutto nella prossima settimana: uno spettacolo divino da non perdere.

Print Friendly



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *