Fenucci: “Ci scusiamo con i tifosi, ma può capitare”


Al termine dell’allenamento, Claudio Fenucci ha esposto il punto di vista della dirigenza sul ko di Napoli

– di Marco Vigarani –

Fenucci, amministratore delegato del Bologna (ph bolognafc.it)

Fenucci, amministratore delegato del Bologna (ph bolognafc.it)

Il primo allenamento post catastrofe si è già concluso da diverse decine di minuti quando Claudio Fenucci, ad del Bologna, decide di presentarsi davanti ai cronisti per fare il punto della situazione. Insieme a Di Vaio aveva già fatto brevemente capolino a bordo campo di fianco a Donadoni durante la seduta, ma poi ha voluto anche far sentire la voce della proprietà sul momento difficilissimo della stagione rossoblù dichiarando: “All’inizio della nostra esperienza abbiamo affrontato altri momenti difficili sia in Serie B che ad inizio stagione ma poi abbiamo reagito. Ora prestazioni e risultati sono meno brillanti e ci scusiamo con i nostri tifosi. Siamo consapevoli che questi momenti non dovrebbero capitare perchè sono un danno sia per l’immagine del club che per il morale dei ragazzi. Quando non c’è più una necessità assoluta di fare risultato ed intervengono anche fattori di forte ribalta mediatica può capitare che si allentino gli stimoli. Non succede solo a Bologna e non si devono cercare cause particolari nel nostro club ma ripeto che nello sviluppo di una stagione possono capitare anche momenti come questi. Ne è consapevole anche Saputo che è comunque dispiaciuto per quanto accaduto a Napoli. Donadoni non è in discussione perchè siamo soddisfatti del suo lavoro e valuteremo insieme se portare la squadra in ritiro anche se personalmente sono sempre stato contro le misure punitive che rischiano di alimentare soltanto altra ansia nei giocatori. Oggi dobbiamo aiutare il gruppo ad uscire da questo momento e perseguire il risultato che ci eravamo prefissati all’inizio. Purtroppo sono capitati anche alcuni infortuni, su tutti quello di Destro per il quale in fase di post intervento il nostro staff ha sbagliato qualche valutazione riguardo alla terapia sperando di farlo tornare in campo prima possibile“.

Print Friendly, PDF & Email



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *