Ferma una partita sul 31-0: arbitro sospeso!


E’ successo lo scorso 4 ottobre a Ponte Ronca, nel match tra i padroni di casa e il Persiceto 85 nella categoria Giovanissimi. Adesso, per l’arbitro, si prospetta una pausa (forzata) di riflessione

– di Luigi Polce –

“Bene, può bastare così” avrà pensato il giovane arbitro che lo scorso 4 ottobre si è reso protagonista di una singolare vicenda. Il tutto si è svolto durante una partita valida per il campionato Giovanissimi provinciali di Bologna, tra Ponte Ronca e Persiceto 85: ospiti in vantaggio addirittura per 31 reti a zero, il fischietto ventenne allora decide, con un po’ di buon senso, di porre fine alle ormai inutili ostilità in accordo con le due squadre.

Il presidente

Il presidente della sezione Aia di Bologna, Antonio Aureliano, con Nicola Rizzoli (ph. aia-figc.it)

Nulla di ingiusto, se non fosse che il regolamento non prevede sospensioni anzitempo per “manifesta inferiorità”. Succede quindi, che la sezione Aia di Bologna ha sospeso l’arbitro, mentre il giudice sportivo non ha potuto omologare il risultato dell’incontro, che quindi verrà rigiocato. Decisione corretta quella presa dall’associazione degli arbitri, visto che lo stesso direttore di gara ha riportato i fatti nel referto. Passare oltre quindi era praticamente impossibile, come ha spiegato Antonio Aureliano al Resto del Carlino: “Si è trattato di un errore rispetto al regolamento – ha affermato il responsabile provinciale degli arbitri –. L’arbitro era consapevole di ciò che ha fatto, tanto che lo ha scritto nel referto. Tiene molto al suo ruolo, ma una pausa di riflessione gli servirà per crescere”. 

Print Friendly, PDF & Email



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *