Festa Leicester, il City rischia la Champions e Benitez la B


Festa con vittoria per il Leicester campione mentre l’Arsenal ferma il City che ora rischia il posto in Champions a favore dello United. Pericolo retrocessione per il Newcastle

– di Marco Vigarani –

Ranieri alza la coppa insieme al suo Leicester (ph. Zimbio)

Ranieri alza la coppa insieme al suo Leicester (ph. Zimbio)

In uno stadio stracolmo all’interno di una cittadina invasa da tifosi e simpatizzanti giunti da ogni parte d’Europa, il Leicester ha completato ufficialmente la propria festa alzando al cielo la coppa di campioni d’Inghilterra. Proprio guardando a questa simpatia globale per i Foxes, il tecnico Ranieri ha provato a dare una spiegazione dicendo: “Forse deriva dal fatto che siamo una piccola squadra che lotta contro le grandi potenze, con giocatori che fino a poco tempo fa non erano considerati grandi nomi. C’erano tante ragioni per immedesimarsi in questa squadra. Forse invece è per come giochiamo: io chiedo ai ragazzi di metterci l’anima, perché conta più del risultato“. Ed infatti nonostante una settimana di feste e di riflettori puntati da parte dei media, il Leicester non ha fatto sconti all’Everton e vinto per 3-1 anche l’ultima gara interna della stagione con una doppietta del capocannoniere e uomo simbolo Jamie Vardy che ha così eguagliato una leggenda del club come Gary Lineker a quota 24 reti stagionali. È stata una festa completa iniziata con le note di Bocelli e conclusa con la tradizionale premiazione a cui ha preso parte anche il difensore Benalouane, teoricamente in prestito alla Fiorentina da gennaio ma praticamente mai visto in riva all’Arno. La ciliegina sulla torta è stato l’annuncio di Ranieri: ha deciso di non cedere al richiamo di altre panchine e restare al Leicester.

Due punti di vantaggio e una partita in meno: il City rischia di lasciare la Champions allo United (ph. Zimbio)

Due punti di vantaggio e una partita in meno: il City rischia di lasciare la Champions allo United (ph. Zimbio)

Rischia invece di arrivare al City e ritrovarsi senza Champions League lo spagnolo Guardiola visto che la sua futura squadra si è fatta fermare sul 2-2 dall’Arsenal ed ora deve guardarsi le spalle dalla rimonta dei cugini dello United che, vittoriosi di misura sul Norwich, possono anche contare su una gara da recuperare e sono già a -2 in classifica. Cade invece il Tottenham per mano del Southampton che però deve comunque abbandonare il sogno dell’Europa più prestigiosa al pari di un West Ham sorpreso in casa dallo Swansea di Guidolin capace di vincere 4-1. Nessun problema per il Liverpool con il Watford (2-0) nè per il Crystal Palace con lo Stoke City (2-1 con doppietta di Gayle): le due contendenti scaldano i motori in vista della finale di FA Cup che le vedrà protagoniste. Una caduta a sorpresa invece per il Chelsea in trasferta sul campo del Sunderland: i Blues vanno due volte in vantaggio con Diego Costa salvo poi farsi rimontare e battere per 3-2 con rete dell’ex di turno Borini, vecchia conoscenza del calcio italiano. Pareggi infine nell’ininfluente Bournemouth-West Bromwich ma soprattutto in Aston Villa-Newcastle che rischia di condannare gli uomini di Benitez alla retrocessione.

Risultati
Norwich-Manchester United 0-1
Sunderland-Chelsea 3-2
West Ham-Swansea 1-4
Bournemouth-West Bromwich 1-1
Crystal Palace-Stoke City 2-1
Aston Villa-Newcastle 0-0
Leicester-Everton 3-1
Tottenham-Southampton 1-2
Manchester City-Arsenal 2-2
Liverpool-Watford 2-0

Classifica
Leicester 80; Tottenham 70; Arsenal 68; Manchester City 65; Manchester United 63; Southampton 60; West Ham 59; Liverpool 58; Chelsea, Stoke City 48; Swansea 46; Everton, Watford 44; Crystal Palace, West Bromwich, Bournemouth 42; Sunderland 35; Newcastle 34; Norwich 31; Aston Villa 17.
(Manchester United, West Ham, Liverpool, Chelsea, Everton, Watford, Sunderland, Norwich una partita in meno)

Print Friendly, PDF & Email



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *