FIFA, Blatter ritira le dimissioni?


L’indiscrezione sul possibile ripensamento di Blatter arriva dalla Svizzera: le federazioni di Asia e Africa avrebbero chiesto al capo del calcio mondiale di ritornare sulla decisione del 2 giugno

– di Massimo Righi –

Blatter potrebbe ritirare le dimissioni annunciate due settimane fa (ph. Twitter)

Blatter potrebbe ritirare le dimissioni annunciate due settimane fa (ph. Twitter)

Non c’è pace nella FIFA. Dopo l’elezione di Joseph Blatter, giunto al quinto mandato consecutivo e del conseguente caso di corruzione in seno all’organismo che comanda il calcio mondiale di cui ci siamo occupati QUI, il presidente Blatter aveva annunciato di volersi dimettere dalla presidenza della Fifa dopo l’ondata di accuse piovutegli addosso dichiarando di: “non avere un appoggio condiviso da tutti nel nostro mondo e per questo motivo offro la mia rinuncia”. Ora però, la notizia circola da ieri, pare che il numero uno della FIFA possa tornare sui propri passi, ritirando le dimissioni.

Stando infatti a quanto riporta il quotidiano elvetico Schweiz am Sonntag, Sepp Blatter potrebbe presto annunciare ritirare le dimissioni e decidere pertanto di restare alla presidenza della FIFA. Il tutto è trapelato da fonti anonime vicine allo stesso Blatter, dimissionario di appena due settimane. Sempre secondo il giornale svizzero, il presidente della FIFA avrebbe ricevuto numerosi messaggi di sostegno da diverse federazioni africane e asiatiche che gli avrebbero chiesto di tornare sui suoi passi e ritirare quindi le dimissioni. In seguito a queste voci, la FIFA non ha però commentato in alcun modo e per adesso, è noto solo che è stato convocato per dicembre un congresso per decidere il prossimo presidente della FIFA, con elezioni che saranno fissate in un periodo fra dicembre e febbraio 2016. Le uniche parole sull’argomento vengono dal presidente del comitato etico e dalla commissione elettorale della FIFA Domenico Scala che ha invitato Blatter a non tornare sui suoi passi, seguendo l’intenzione di dimettersi: “E’ chiaramente indispensabile dare seguito all’avviato processo di cambiamento della leadership, come è stato annunciato”.

 

Print Friendly, PDF & Email



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *