Fortitudo, niente da fare: sconfitta anche a Mantova


Ennesima sconfitta per la Fortitudo che perde anche a Mantova nonostante una discreta partita. Ancora una volta è stato determinante un terzo quarto zoppicante

– di Massimo Righi –

Fasi di gioco fra Mantova e Fortitudo (ph. Fortitudo)

Fasi di gioco fra Mantova e Fortitudo (ph. Fortitudo)

Lotta la Fortitudo, ma alla fine arriva il settimo ko su otto in trasferta, affondata da Mantova. Bologna ha giocato la sua partita, senza però mai riuscire a dare l’impressione di prendere in mano la partita e dare la sferzata decisiva complici le palle perse, sette in più dei virgiliani e qualche scelta sbagliata, vuoi per inesperienza, vuoi per concetto. Prima della gara con Imola ci sarà la sosta, utile per il rientro di Flowers e per l’inserimento di Amoroso, ultimo (e unico?) arrivato in casa biancoblù. Mantova, quarta in classifica, è stata avversaria di tutto rispetto aiutata da giocatori del calibro di Di Bella, Ndoja, Moraschini e Hurrt e per quanto la Fortitudo non sia da meno, le giocate di questi hanno pesato nell’economia della partita.

Si parte in sostanziale equilibrio, con la Effe che mostra buone cose sul perimetro ma che fatica di più sotto le plance, concedendo punti e conseguente vantaggio a Mantova. Bologna però c’è e non molla terreno gratuitamente ai virgiliani, che stanno punto a punto ma che vengono puniti da Sorrentino dall’arco allo scadere della prima sirena, 15-16 Bologna. Continua anche nel secondo mini tempo il buon momento della Fortitudo, con Montano che allunga per i suoi e con una difesa che tiene lontana Mantova per larghi tratti. Nel finale di tempo, dopo il +5 firmato Raucci, Mantova accorcia un po’ e chiude sotto solo di due lunghezze, 31-33.

Al rientro in campo, la Fortitudo presenta il solito terzo quarto tabù. Mantova ne approfitta, aggancia e scappa con Hurrt (ne segnerà 25 alla fine). Bologna non segna più e va sotto di cinque punti, salvo riemergere grazie a Sorrentino per poi pareggiare a quota 43. Non basta il cuore per fermare Mantova che allunga ancora dopo un’altra ricaduta bolognese e sul -9, solo i due liberi di Candi danno un brodino per il 54-47 del terzo quarto. L’ultimo quarto si apre con la bomba di Hurrt e all’espulsione di Boniciolli per il secondo fallo tecnico ricevuto. Mantova vola e piazza un divario che il tabellone traduce in 67-53, ma Bologna non molla e approfitta delle leziosità dei padroni di casa. Daniel è micidiale e riapre la sfida da solo, ma il tempo passa e Mantova si ridesta con una tripla di Moraschini che tiene a +5 i suoi, di là Montano sbaglia da tre e Simms fa due su due in lunetta. Ancora Montano segna in entrata praticamente indisturbato e segna il -2, poi Di Bella è glaciale ai liberi e il sipario si cala sul 77-75, con tripla finale che fa sembrare meno brutto il punteggio.

Mantova 77: Di Bella 5, Moraschini 16, Ndoja 12, Simms 12, Hurtt 25, Alviti 2, Fumagalli, Maiorino, Gandini, Amici, Masenelli, Gergati 5. All. Martellossi

Fortitudo 75: Daniel 10, Candi 8, Montano 19, Raucci 7, Italiano 3, Errera, Rovatti, Quaglia 4, Campogrande 3, Sorrentino 7, Carraretto 14, Flowers. All. Boniciolli

Classifica: Brescia 26, Imola 24, Treviso, Mantova 22, Verona 20, Roseto 18, Bologna, Ravenna, Treviglio 16, Trieste, Chieti 14, Ferrara, Legnano 12, Jesi 10, Recanati 8, Matera 4

Print Friendly, PDF & Email



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *