Fortitudo ok ad Orzninuovi: agganciata momentaneamente Trieste in vetta


La Fortitudo “degli italiani” (McCamey a referto ma non sceso sul parquet) sbancano Orzinuovi 81-90, agganciando in vetta Trieste per una notte. Sugli scudi Rosselli, top scorer dei biancoblù con 26 punti

– di Calogero Destro –

Stefano Mancinelli, autore di 22 punti al ritorno dopo due gare di assenza (ph. Il Resto del Carlino)

Capolista per una notte, insieme a quella Trieste che fino a qualche settimana fa sembrava di un altro pianeta, e che invece giovedì arriverà al PalaDozza rischiando, addirittura, di dover cedere la vetta all’ “Aquila”. La Fortitudo sbanca Orzinuovi 81-90, godendosi il primo posto temporaneo in condivisione con l’Alma, che domani giocherà fra le mura amiche contro il fanalino di coda Bergamo. Una Effe con rotazioni di soli italiani per l’occasione (McCamey a referto ma indisponibile causa infortunio) è riuscita a vincere una partita “semplice” sulla carta, più difficile una volta scesi in campo. Sugli scudi la vecchia guardia, con Guido Rosselli, top scorer dei biancoblù (26 punti, 5/6 da 3) e Stefano Mancinelli, che ha bagnato il ritorno dopo le due gare saltate con 22 punti.

La Effe aveva iniziato faticando su entrambi i lati del campo, trovando poi energie (e punti, 7 consecutivi) da Guido Rosselli, che già nel primo quarto, come Mancinelli, cominciava a macinare sotto il canestro avversario, permettendo ai suoi di chiudere avanti di 4 lunghezze i 10′ iniziali (18-22). La seconda frazione iniziava com’era terminata la prima, con i due veterani in maglia biancoblù che provavano ad alimentare la fuga. Ma gli ospiti erano distratti in difesa, e incassavano un 10-0 di parziale che riportava in vantaggio Orzinuovi al 15′ (30-27). Il primo tempo si concludeva dunque sul filo dell’equilibrio (34-36). Break casalingo e contro-break ospite aprivano la ripresa, costringendo coach Finelli al time-out sul 42-48. Sollazzo (25 punti, 4/8 da 3) e Strautins riportavano avanti Orzinuovi, che approfittava dei vistosi sbandamenti difensivi dell’ “Aquila”. Si entrava nell’ultimo parziale, dopo il cesto di Amici, con la Effe avanti di 2 lunghezze (56-58). Poi la banda di Comuzzo, guidata da Rosselli e accompagnata dalle ottime percentuali da 3 (13/24 dalla lunga) si portava sul +11 al 33′ (58-69). Orzinuovi provava ad esprimere il massimo sforzo con un 7-0 di parziale che riapriva la gara a 3′ dalla sirena, ma la Effe riusciva comunque a controllare con agevolezza il finale da squadra esperta (81-90).

Postpartita- Queste, nel postpartita, le dichiarazioni di coach Comuzzo: ” Boniciolli mi ha telefonato per farmi i complimenti e ha detto che non torna più! A parte gli scherzi, io sono qui solo per evitare di fare danni in attesa che ritorni lui. Sono contento che l’attacco abbia funzionato, in queste settimane abbiamo lavorato per evitare alti e bassi quando prima riuscivamo a giocare un buon basket solo a tratti. Oggi si è visto, non siamo stati ermetici in difesa, ma era una partita difficile, perché Orzinuovi è in grande crescita, si giocava tanto, noi siamo stati bravi nei momenti chiave a dare continuità  al buon atteggiamento visto con Ferrara.  Importante sarà il recupero di McCamey, perché in questo momento non abbiamo un cambio per Fultz e quando rifiata stiamo agendo con tante alternative, in attesa di avere tutti i tasselli al posto giusto. Grande partita di Rosselli, poi. Ci sono state anche eccellenti difese, ma anche tanti errori che non dovevamo commettere.  Lunedì spero di ricominciare con Boniciolli, che è ancora molto debilitato e ha detto che mi farebbe da assistente, ma se avrà anche poca energia la butterà in campo”.

 

Print Friendly, PDF & Email



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *