Francesco Caremani presenta: “Heysel, le verità di una strage annunciata”


Il giornalista Francesco Caremani, sarà a Bologna giovedì e venerdì 26-27 marzo, per presentare il suo libro “Heysel, le verità di una strage annunciata”, sui fatti accaduti a Bruxelles il 29 maggio 1985

– di Massimo Righi –

La copertina del libro "Heysel, le verità di una strage annunciata”

La copertina del libro “Heysel, le verità di una strage annunciata”

La strage dell’Heysel di cui proprio quest’anno ricorre il trentennale, rappresenta una delle pagine più nere della storia del calcio e dello sport. Per non dimenticare ma anzi rilanciare e tenere viva la memoria dei fatti, battendosi e raccontando la verità, si è ricostituita l’Associazione Familiari delle vittime dell’Heysel, grazie all’impegno dei parenti delle vittime, fra cui il presidente Andrea Lorentini che ha perso il papà in quel 29 maggio 1985, prima della finale di Coppa dei Campioni fra Liverpool e Juventus. Ma Andrea e i membri dell’Associazione non sono soli nel cercare di far giustizia riguardo a quella tragedia in cui persero la vita 39 persone, ma ci sono tanti altri che ricercano la verità sugli eventi accaduti all’Heysel, fra i quali Francesco Caremani giornalista professionista free lance, che collabora con importanti testate italiane e straniere. Scrittore e tifoso juventino, Caremani è già noto al pubblico per il suo impegno riguardo la ricerca della verità sulla triste vicenda dell’Heysel che ancora oggi richiede chiarezza.

Domani, giovedì 26 marzo 2015, Francesco Caremani sarà presente alla Polisportiva Antal Pallavicini, insieme con Roberto Beccantini e Matteo Marani, per presentare il suo libro: “Heysel, le verità di una strage annunciata”, a partire dalle 20.45. Il giorno dopo, venerdì 27 marzo, Caremani sarà invece al Liceo Augusto Righi a partire dalle ore 11 per parlare della sua pubblicazione, assieme al presidente dello Juventus Club Bologna “Gaetano Scirea”, Franco Febbo. Sono due appuntamenti interessanti per chi ama il calcio a prescindere dalla fede e per chi ha vissuto quel giorno da semplice spettatore davanti alla tv o da tifoso: un ulteriore modo per tenere viva la memoria del 29 maggio 1985, grazie all’impegno di Francesco e di tutti coloro che non hanno mai smesso di cercare e documentare quanto successo all’Heysel ormai 30 anni fa.

Francesco Caremani, giornalista, autore del libro

Francesco Caremani, giornalista, autore del libro

“Heysel, le verità di una strage annunciata” – Il 29 maggio 1985 allo stadio Heysel di Bruxelles, prima della finale di Coppa dei Campioni Juventus-Liverpool, nel settore Z, muoiono 39 tifosi bianconeri, schiacciati e soffocati dalla calca, sotto la furia degli hooligans inglesi, con la connivenza delle autorità e della polizia belghe, incapaci di prevedere e d’intervenire. Una tragedia annunciata che si abbatte con drammaticità sul calcio come sport e sulle coscienze di tutti noi come uomini prima che come sportivi. Una ferita aperta e mai rimarginata, perché non si può e non si deve morire di calcio. Tutti hanno raccontato quello che è successo prima di Juventus-Liverpool, molti hanno raccontato il durante e il dopo, anche il proprio, ma nessuno s’è mai veramente addentrato nelle scomode verità. Gli effetti personali rubati, l’arroganza delle autorità, la lunga, faticosa e snobbata battaglia legale portata avanti dall’Associazione delle vittime, che fu presieduta da Otello Lorentini prima del nipote Andrea, che in Belgio hanno perso il padre-figlio Roberto. Questo libro è un atto dovuto alla memoria e alla dignità di 39 persone che hanno perso la vita per assistere a una partita.

Print Friendly, PDF & Email



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *