Gascoigne di nuovo ricoverato, ora prova ad aiutarlo Redknapp


Niente ritorno in campo per Gascoigne, nuovamente soccorso ubriaco in mezzo alla strada. Il tecnico del QPR Redknapp però è pronto a dargli un’altra possibilità

di Marco Vigarani

Gascoigne e Redknapp insieme, a luglio 2014

Gascoigne e Redknapp insieme, a luglio 2014

Le speranze di tanti tifosi e appassionati di calcio che sognavano di rivedere finalmente Paul Gascoigne tornare ad una vita normale si sono infrante contro la dura realtà. Appena poche ore dopo la pubblicazione della notizia riguardante il suo possibile ritorno in campo con la maglia dell’Abbey infatti l’ex centrocampista di Lazio e Tottenham è stato rinvenuto davanti alla porta di casa, barcollante, completamente ubriaco e con una bottiglia di vodka in mano. I demoni dell’alcol si sono impossessati di nuovo del corpo e della mente del 47enne che è stato soccorso e trasportato d’urgenza in ospedale dopo essere riuscito a telefonare ad un amico implorando: “Sono a pezzi, aiutatemi“. Secondo la testimonianza del conoscente, Gascoigne avrebbe bevuto al punto da essere cacciato dal padrone della sua residenza di Sandbanks dopo le lamentele dei vicini dovute ai rumori molesti.

Nonostante tutte le ricadute nei vecchi vizi però c’è ancora qualcuno intenzionato ad aiutare l’ex talento dell’Inghilterra a ricostruirsi una vita partendo proprio dallo sport che l’ha reso immortale. Il manager del Queens Park Ranger Harry Redknapp infatti ieri ha dichiarato: “Un mese fa gli ho proposto di venire a lavorare con i giovani del club perchè penso che gli farebbe bene. Lo passerei a prendere personalmente tutte le mattine prima delle 6 e lo affiancherei al mio collaboratore Steve Gallen per dare una mano con i nostri bambini. Se lo merita perchè è davvero un grande uomo ed una brava persona con un cuore immenso. Poi però tocca a Gascoigne fare il passo decisivo per aiutare se stesso“. Il tecnico londinese riuscirà nell’impresa in cui tanti prima di lui hanno fallito di ricondurre Gazza alla vita allontanandolo una volta per tutte dalla spirale autodistruttiva in cui sembra orma imprigionato da troppi anni?

Print Friendly, PDF & Email



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *