Giornata nera per la Formula 1: Vettel ingiustamente da terzo a quinto


In Messico Vettel chiude terzo ma poi viene penalizzato anche più di Verstappen. Rosberg secondo ma vicino al titolo iridato

– di Alberto Bortolotti –

Vettel festeggia un terzo posto poi annullato (ph. Zimbio)

Vettel festeggia un terzo posto poi annullato (ph. Zimbio)

A Città del Messico Max Verstappen, dopo aver tagliato il traguardo dietro alle due Mercedes, ha scoperto solo nel retro del podio che era stato penalizzato di 5 secondi, per cui a ritirare il trofeo sarebbe stato Sebastian Vettel.

La gioia è stata di breve durata perché i commissari sportivi hanno poi deciso di appioppare 10 secondi di penalità proprio a Vettel per aver chiuso la traiettoria a Daniel Ricciardo quando l’australiano era già in staccata.

La classifica, quindi, è stata cambiata a tavolino: terzo Daniel Ricciardo, quarto Max Verstappen e solo quinto Sebastian Vettel. “Oggi abbiamo meritato al cento per cento il podio – ha dichiarato Arrivabene tutta la squadra ha dimostrato grande carattere, ed i piloti hanno fatto un ottimo lavoro. Purtroppo il risultato ci è stato tolto con la burocrazia, da una decisione che reputo eccessiva e per certi versi ingiusta”. Ma sul versante Red Bull Helmut Marko ha detto parole di segno uguale e contrario: “Non ho mai visto uno spostamento di traiettoria così grande come quello operato da Vettel su Ricciardo. Ha fatto esattamente ciò che la regola ‘anti-Verstappen’ dovrebbe vietare di fare“.

Fatto sta che la cosa poco comprensibile è perchè all’olandese siano stari dati 5” di penalità e al tedesco 10.

Alla fine di tutto resta che una norma varata “contro” Max Verstappen, alla fine ha “aiutato” l’olandese. Questa è la summa di una giornata da dimenticare per la Formula 1. Se la terza posizione di Daniel Ricciardo non è da mettere in discussione, è inaccettabile che il ferrarista finisca al quinto posto anche dietro alle spalle di Max Verstappen.
Detto che ha vinto Hamilton, 51esimo successo in carriera come Prost, davanti a Rosberg e che con un successo in Brasile il tedeco sarà campione del mondo, a punti sono andati anche Raikkonen, Hulkenberg, Bottas, Massa e Perez.

Print Friendly, PDF & Email



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *