Gli svincolati in Inghilterra: Johnson, Drogba e gli altri


Alla scoperta dei calciatori di Premier League che il 30 giugno si ritroveranno svincolati tra campioni in declino, occasioni e scommesse: da Johnson a Guidetti, da Drogba a Vlaar passando per Cambiasso ed il fragile Diaby

– di Marco Vigarani –

Glen Johnson è la stella degli svincolati in Premier League (ph. Zimbio)

Glen Johnson è la stella degli svincolati in Premier League (ph. Zimbio)

La seconda tappa del viaggio a caccia dei futuri svincolati che si ritroveranno senza squadra il prossimo 30 giugno ci porta in Inghilterra. La Premier League offre non solo veterani di grande esperienza ma anche giovani su cui vale ancora la pena scommettere.

La stella – Glen Johnson è pronto a lasciare il Liverpool dopo sei stagioni e, giunto a trent’anni, anche la Premier League per cercare fortuna altrove. Il terzino britannico ha collezionato esattamente 300 presenze nel massimo campionato inglese oltre a 54 in Nazionale maggiore (era in campo anche contro l’Italia agli ultimi Mondiali) ma ora è pronto a ricominciare da zero unendosi al gruppo dei prossimi atleti svincolati. Pagato oltre 20 milioni di euro nel 2009 dai Reds, ora sul giocatore si è mosso da tempo il Besiktas per ingaggiarlo a parametro zero ma si è parlato anche di un possibile interessamento della Roma.

Drogba ancora protagonista al Chelsea (ph. Zimbio)

Didier Drogba lascia il Chelsea ma vuole continuare a giocare (ph. Zimbio)

Gli affari – Un’altra grande occasione da pescare tra gli svincolati della Premier è rappresentata dal centrale olandese Ron Vlaar, 30enne possente in uscita dall’Aston Villa ed accostato nei mesi scorsi alla Lazio che però non ha mai affondato il colpo. Scendendo notevolmente di età incontriamo poi tre vere e proprie occasioni per il reparto offensivo guidate da John Guidetti, centravanti svedese classe 1992 lasciato libero dal City dopo una stagione da 15 gol su 35 presenze in prestito al Celtic. Lascerà invece il Newcastle il coetaneo Sam Ameobi, ala di origini nigeriane con buoni margini di crescita. Non c’è invece tempo da perdere per assicurarsi il 19enne James Wilson, attaccante che lo United sta provando a blindare con un rinnovo su richiesta di Van Gaal ma che attualmente non ha ancora firmato.

I veterani – Non bastano 37 anni per smettere di inseguire il pallone con la stessa insaziabile fame di gol e pertanto ha già annunciato di voler continuare a giocare l’ormai ex bomber del Chelsea Didier Drogba: per lui si stanno aprendo diverse porte in Europa grazie allo straordinario curriculum da 268 reti complessive. Restando in attacco, va segnalato anche il nome di Carlton Cole che dopo nove anni ed oltre 50 reti lascerà sicuramente il West Ham avendo davanti ancora qualche anno di carriera a buon livello. A proposito degli Hammers, appare piuttosto stuzzicante anche l’idea di poter ingaggiare tra gli svincolati il 33enne esterno brasiliano Nene che ha vissuto le sue migliori stagioni in Francia tra Monaco e PSG.

SVINC ING

Qualcuno punterà ancora su Abou Diaby dopo tanti anni di infortuni? (ph. Zimbio)

Qualcuno punterà ancora su Abou Diaby dopo tanti anni di infortuni? (ph. Zimbio)

Volti noti – Tra i prossimi svincolati del mercato inglese troviamo anche due veterani visti recentemente anche in Serie A. Il nome più accattivante è sicuramente quello del centrocampista argentino Esteban Cambiasso che, nonostante i 34 anni compiuti, ha disputato una stagione da protagonista con la maglia del Leicester segnando anche cinque reti: per lui si sono fatti vivi alcuni club statunitensi. Impiegato con meno continuità ma comunque ancora attivo, si libererà dal Sunderland il terzino francese Anthony Reveillere già visto a Napoli nella stagione 2013/14. Hanno invece già trovato un ingaggio a parametro zero sia il portiere Artur Boruc che il difensore Micah Richards, entrambi ex Fiorentina.

La scommessa – Nel 2006 l’Arsenal era convinto di aver messo segno un colpo straordinario assicurandosi le prestazioni del centrocampista francese Abou Diaby. Fisico da corazziere ed un bagaglio tecnico di primo livello lo hanno reso l’erede ideale di Vieira ma una lunghissima serie di infortuni ne ha limitato fortemente l’utilizzo nel corso delle otto stagioni e mezzo ai Gunners. La sua stagione migliore risale ormai al 2009/10 con 7 gol in 40 gare disputate ma oggi, a 29 anni, potrebbe attirare le attenzioni di numerosi club pronti a scommettere di nuovo sul suo talento e sul suo fisico di cristallo.

Print Friendly, PDF & Email



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *