Gomez e l’Atalanta vogliono l’Europa. Dzeko fa bella la Roma e supera il record di Totti


Top e Flop della 30^ giornata di Serie A

– di Francesco Ferrari –

TOP

Prestazione maiuscola per il “Papu” Gomez, autore di ben tre reti

Gomez (Atalanta): ennesima prestazione maiuscola per l’esterno argentino. Contro un Genoa già in vacanza il Papu non fa sconti e segna ben tre reti, oltre ad essere presente in ogni azione offensiva della squadra. L’Atalanta sogna un posto in Europa League e con queste prestazioni probabilmente si avvererà;

Dzeko (Roma): certamente non la più bella Roma della stagione contro il modesto Empoli. Ci pensa allora il bomber dei record a togliere le castagne dal fuoco e portare a casa altri tre punti. Con la sua doppietta raggiunge quota 33 gol stagionali tra campionato e coppe, nessuno meglio di lui, nemmeno l’eterno Totti. Alzi la mano chi, dopo la passata stagione, si sarebbe aspettato il risveglio di Edin;

Jankto (Udinese): nel calcio ci vuole poco per diventare il sogno estivo di molti club; è il caso di questo giovane talento ceco che da ormai parecchie giornate sta facendo scomodare diversi osservatori. Bellissima la rete con cui apre la sfida contro il Toro: percussione sulla fascia sinistra conclusa con un bolide che si insacca sotto la traversa di Hart. Se dimostrerà continuità farà grande strada.
FLOP

L’errore di Donnarumma ha permesso al Pescara di passare in vantaggio

Donnarumma (Milan): per un portiere si sa, gli errori sono quasi sempre decisivi e portano alla segnatura dell’avversario. L’estremo difensore rossonero sbaglia le misure dell’intervento sul retropassaggio di Paletta lisciando completamente il pallone e facendolo terminare in porta. Dopo soli 12′ di gioco regala il vantaggio agli avversari, dimostrando in fondo di essere anche lui umano Purtroppo questi due punti lasciati per strada a otto giornate dal termine, potrebbero incidere nello sprint per l’Europa League;

Icardi (Inter): contro la sua ex squadra aveva sempre lasciato il segno in passato, questa volta esce a bocca asciutta ma soprattutto conscio di aver avuto sui piedi una ghiotta occasione per segnare il 2-1 in favore dei suoi; certo il cross di Candreva rimbalza proprio davanti al suo piede ma da un predatore dell’area come Maurito ci si aspetta qualcosa in più;

Pinilla (Genoa): molti si aspettavano il gol dell’ex, invece il centravanti cileno, dopo essersi preso un giallo sacrosanto, mette in scena un teatrino patetico, meritandosi il secondo cartellino e conseguente espulsione, con imminente lunga squalifica in arrivo. Non il miglior modo di aiutare i suoi compagni già sotto per 2-0.

Print Friendly, PDF & Email



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *