Gomez trafigge il Lipsia e chiude il campionato. Il Bayern piega in casa il Francoforte e vola a +10. Dortmund k.o. a Berlino


Il riassunto della 24^ giornata di Bundesliga: il Lipsia cade in casa col Wolfsburg e dice addio alla vetta. Bayern senza pietà contro l’Eintracht

– di Tiziano De Santis –

Lewandowski e co. esultano dopo il gol del polacco in Bayern-Francoforte 3-0 (ph. Eurosport.it)

“E’ stato bello finché è durato”: si può riassumere così, probabilmente la stagione 2016/2017 della massima serie calcistica tedesca, tenuta viva, sino alla 24^ giornata, dall’RB Lipsia, che, secondo in classifica, ha tallonato, sin quando è stato possibile, i campioni di Germania in carica. Il Bayern Monaco di Carletto Ancelotti, nell’ultimo turno, ha, infatti chiuso la pratica (non ancora matematicamente) mettendo a referto la diciottesima vittoria consecutiva in Bundesliga – la terza di fila – contro il Francoforte di Niko Kovač. All’Allians Arena, i padroni di casa non iniziano nel migliore dei modi, tanto da dover aspettare solo il 38′ minuto di gioco per aprire le marcature col solito Lewandowski, autore di un gol di facile fattezza a porta vuota su assist di Muller. Il raddoppio viene siglato cinque giri d’orologio più tardi da Douglas Costa, ben pescato da Alaba in posizione troppo ghiotta per un eventuale errore. L’Eintracht accusa il doppio colpo e subisce il 3-0 definitivo al 55′, quando Lewandowski chiude i conti del match – e forse dell’intera stagione – con un bel diagonale sul cross dalla sinistra di Robben. Il polacco si avvicina, così, alla vetta della classifica dei cannonieri di Germania, a -1 dall’attuale primato di Aubameyang. Cade, invece, il Lipsia di Ralph Hasenhüttl davanti ai propri tifosi contro il Wolfsburg di Andries Jonker, che conquista tre punti importantissimi per la permanenza nella massima serie calcistica tedesca e si porta momentaneamente +3 sulla zona rossa della retrocessione.

L’esultanza di Mario Gomez dopo il gol in RB Lipsia-Wolfsburg 0-1 (Ph. Bundesliga.com)

Il team della Red Bull, reduce dal pareggio di Augsburg, deve arrendersi alla sola rete di Mario Gomez, che al 9′ infila Gulacsi di sinistro su assist di Didavi. Il team più odiato di Germania, probabilmente, perde definitivamente ogni illusione di vittoria del campionato, incrementando di dieci lunghezze la distanza dalla corazzata bavarese di Ancelotti. Perde anche il Dortmund di Thomas Tuchel dopo tre successi di fila: le Vespe della Vestfalia vengono piegate 2-1 dall’Hertha Berlino. All’Olympiastadion, è Kalou a portare avanti i suoi all’11’; nel secondo tempo, il pari di Aubameyang è solo un’allucinazione momentanea, perchè al 71′ Plattenhardt regala il bottino pieno ai padroni di casa su punizione con la complicità dell’estremo difensore avversario. Il Dortmund conserva la terza posizione in classifica, a +1 dall’Hoffenheim, che pareggia 1-1 in casa del Friburgo e fallisce il possibile sorpasso sui gialloneri. Dopo tre k.o. di fila, torna alla vittoria il fanalino di coda della graduatoria: Sulu e Sam offuscano, infatti la rete di Quaison, permettendo al Darmstadt di battere il Mainz per 2 reti a 1. Se il Brema ferma il Leverkusen alla BayArena (Volland illude per i rossoneri, Pizarro sentenzia l’1-1 finale), lo Schalke mette in ginocchio l’Augsburg davanti ai propri tifosi grazie alla doppietta di Burgstaller e al definitivo 3-0 di Caligiuri al 34′, mentre l’Amburgo conquista i tre punti superando 2-1 il Monchengladbach. Termina 2-2, infine, il match dell’Audi-Sportpark tra l’Ingolstadt di Maik Walpurgis e il Colonia di Peter Stöger.

 

Risultati 24^ giornata:

Leverkusen – Brema 1-1

Lipsia – Wolfsburg 0-1

Hertha – Dortmund 2-1

Friburgo – Hoffenheim 1-1

Darmstadt – Mainz 2-1

Bayern – Francoforte 3-0

Ingolstadt – Colonia 2-2

Schalke – Augsburg 3-0

Amburgo – Monchengladbach 2-1

Bayern 59; RB Lipsia 49; Dortmund 43; Hoffenheim 42; Hertha 40; Francoforte 35;  Colonia, Friburgo 34; Mönchengladbach 32; Leverkusen 31; Schalke 30; Mainz 29; Augsburg 28; Wolfsburg, Brema, Amburgo 26; Ingolstadt 19; Darmstadt 15.

Print Friendly, PDF & Email



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *